La Svezia elimina la transessualità dalle malattie mentali

di

Entro il 2017 l'OMS è stato chiamato a fare lo stesso.

transgender
CONDIVIDI
1.2k Condivisioni Facebook 1.2k Twitter Google WhatsApp
16511 1

La Svezia compie l’ennesimo importante passo in fatto di diritti LGBT: la transessualità non è più considerata una malattia mentale.

Quello che è appena avvenuto ha un forte valore simbolico“, afferma Kristina Bränd Persson, capo dell’unità presso la Commissione nazionale della salute e del welfare. “Molte categorie sono ormai diventate obsolete e per noi la decisione è incontrovertibile“.

Il provvedimento vuole portare ad una revisione nazionale della versione svedese dell’ICD-10: il documento dovrà essere rivisto entro il 2017 anche dall’OMS e di fatto questo potrebbe portare alla rimozione della transessualità dalle malattie mentali a livello mondiale, come accadde per l’omosessualità nel 1990.

La Svezia però, come la Danimarca, ha deciso di anticipare le manovre dell’organo sovranazionale: la prima ad averlo fatto in Europa è stata la Francia, nel 2012.

La transessualità è classificata come malattia mentale con la definizione di “disforia di genere“, termine introdotto nel 1971 da Donald Laub e Norman Fisk. Questa concezione però è ormai superata: la comunità scientifica e le associazioni premono da tempo affinché l’OMS prenda provvedimenti.

Leggi   Cuba, dopo l'addio dei Castro si avvicina il matrimonio egualitario
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...