Svizzera: il referendum anti-PaCS non si farà

Insufficienti le firme raccolte per indire il referendum di iniziativa popolare che voleva bloccare l’approvazione del PaCs svizzero.

La Svizzera non organizzerà verosimilmente il referendum sul "PaCS svizzero" richiesto dagli oppositori del PaCS.

Questi ultimi sostenevano la necessità di un referendum di iniziativa popolare e dovevano raccogliere 7000 firme per obbligare la Svizzera a organizzare questo referendum. Allo scadere del termine legale, sono state contate solo 4503 firme.

Bisognerà attendere ancora 24 ore per essere certi che questo referendum non avrà luogo: un rinviuo eccezionale è stato concesso in seguito alla sparizione di un sacco contenente delle lettere.

LEGGI ANCHE

Storie

Legge contro l’omofobia: in Svizzera la destra raccoglie firme per...

Secondo il partito UDF, la legge sarebbe contro la libertà di espressione. Via alla raccolta firme per indire un referendum.

di Alessandro Bovo | 10 Gennaio 2019

Storie

Svizzera, approvata in via definitiva la legge contro l’omofobia

Nel testo non si parla di transfobia, perché considerata una norma "troppo vaga".

di Alessandro Bovo | 6 Dicembre 2018

Storie

In Svizzera l’omofobia sarà punibile come il razzismo

Il testo è stato approvato con 98 voti a favore e 83 contrari dal Consiglio Nazionale. Ora passa al Consiglio...

di Alessandro Bovo | 27 Settembre 2018