“Tanti Baci” in spiaggia per dire no all’omofobia

Appello e Kiss-in capitanato da tre esponenti della comunità lgbt oggi a Torre del Lago. Alessio De Giorgi, Paola Concia e Regina Satariano hanno baciato i loro compagni per dire no all’omofobia

In molti hanno preso parte oggi a Tanti Baci, il bacio pubblico sulla spiaggia gay più famosa d’Italia, la Lecciona, tra Torre del Lago e Viareggio, organizzato dagli esponenti della comunità lgbt Anna Paola Concia, parlamentare lesbica del PD, Alessio De Giorgi, direttore di Gay.it e Regina Satariano, attivista transessuale e Presidente del Consorzio Friendly Versilia, per dire ancora una volta no all’omofobia.

L’iniziativa arriva a distanza di due giorni dall’ultimo episodio di Licola (Napoli) in cui due uomini sono stati cacciati per essersi scambiati un bacio in pubblico. Nel lungo elenco dei luoghi in cui questa estate qualcuno ha messo in dubbio il diritto di una coppia del medesimo sesso di esprimere la propria affettività scambiandosi un bacio o una carezza o semplicemente camminando mano nella mano, ci sono anche Pescara, Cagliari, Milano, Roma, le spiagge di Torre del Lago, Gaeta e del Piave.

Per questo incessante susseguirsi di episodi di omofobia, Concia, De Giorgi e Satariano hanno lanciato insieme alle loro compagne e ai loro compagni (rispettivamente la tedesca Ricarda, il pratese Lorenzo e il viareggino Luca) Tanti Baci, un vero e proprio appello, per chiedere a personalità del mondo della cultura, dell’informazione, dello spettacolo e della politica italiana di sottoscriverlo.

Perché, come dicel’appello, “L’amore che non osa dire il suo nome” deve rimanere una frase che non descrive né l’oggi né l’ieri, ma un tempo passato fatto di repressione, catacombe e sofferenze in cui nessuno ci può ricacciare. Ciascuno di noi ha un’arma che è data dai suoi diritti, dalla sua lingua, dalle sue capacità: tiriamola fuori.

Ti suggeriamo anche  Roma, ennesima aggressione omofoba: 21enne minacciato con un coltello, picchiato e rapinato