Star Trek: Discovery, presentata la prima coppia gay – i complimenti di George Takei

Ha fatto il suo esordio la prima storica coppia gay della storia tv di Star Trek.

Annunciata e attesa, è alla fine arrivata la prima coppia gay del vasto universo televisivo di Star Trek. Merito di Discovery, prequel CBS in Italia grazie a Netflix che nell’ultima puntata andata in onda ha finalmente mostrato ai telespettatori i due innamorati.

Paul T. Stamets, ufficiale scientifico della Flotta Stellare specializzato in astromicologia interpretato da Anthony Rapp, e Hugh Culber, ufficiale medico interpretato da Wilson Cruz.

Nel finale della quinta puntata, l’uno al fianco dell’altro, in pigiama davanti allo specchio del bagno e con spazzolino fantascientifico in bocca, i due si sono concessi il primo dialogo ‘intimo‘ della serie. Una conversazione assolutamente normale, senza effusioni particolari o frasi d’amore, come quotidianamente avviene in qualsiasi famiglia. Etero o gay che sia.

Uno tende a preoccuparsi quando è destinato ad amare un geniale ma incosciente maniaco disposto a rischiare la vita per la gloria‘, confessa Hugh a Paul, uscito apparentemente indenne da un rischiosissimo esperimento. ‘Non fare più stupidaggini del genere, forse tu non ci tieni a te ma io sì‘, la tenera conclusione. Sguardi pieni d’affetto e preoccupazione, quelli tra i due, con Wilson Cruz che su Instagram ha confessato di essersi ritrovato in lacrime, davanti allo schermo, una volta vista la scena. L’attore ha inoltre aggiunto l’hashtag #RepresentationMatters, per evidenziare l’importanza della diversità sullo schermo.

Complimenti ‘spaziali’ sono arrivati anche da George Takei, attore dichiaratamente omosessuale nonché storico Sulu della serie tv originale che via Twitter si è complimentato con la rete per la coppia gay appena introdotta.

“Un bel momento tra [Rapp] e [Cruz] la scorsa notte”. “Grazie a Star Trek Discovery per essere andato dove Star Trek non era mai arrivato“.

Storie

Giovanna Vivinetto, l’insegnante trans licenziata denuncia la scuola

Parte la denuncia ai danni della scuola Kennedy di Roma, dove Giovanna era insegnante.

di Alessandro Bovo