In Lombardia arriva il telefono antigender. 50000 euro spesi per nulla

di

Stanziati dalla Regione 50000 euro su un call center contro la teoria del gender

CONDIVIDI
55 Condivisioni Facebook 55 Twitter Google WhatsApp
5434 1

La notizia è reale e non di Lercio. 50.000 euro saranno stanziati dalla Regione Lombardia, coi soldi di tutti i cittadini lombardi, per istituire un call center per segnalare “iniziative contrarie ai valori della famiglia”. La teoria del gender, insomma, e le paranoie che ha suscitato nelle famiglie sensibili ai proclami dei cattolici integralisti, ha fatto definitivamente breccia nel Consiglio Regionale Lombardo, dove peraltro era già stata votata una mozione anti-gender. Ignari delle critiche, i consiglieri hanno pensato ora di destinare ben 50.000 euro alla lotta contro il gender: un po’ come spenderli per tracciare su Google Maps i percorsi di Babbo Natale, visto che siamo in prossimità del suo arrivo.

Il numero verde sarà attivo 24 ore su 24 per dare “finalmente” la possibilità a genitori, studenti e personale scolastico di “segnalare episodi contrari ai valori della famiglia, con particolare attenzione alla tutela dei minori”. È il call center “anti gender” nelle scuole ideato dal Carroccio e proposto con un emendamento al bilancio 2016-2018 da discutere in Consiglio regionale. Con l’emendamento il partito di Maroni, Presidente della Regione, – il capogruppo in Consiglio, Massimiliano Romeo, è il primo firmatario – chiede infatti lo stanziamento di 50mila euro per il 2016, da assegnare all’assessorato alle Culture, identità e autonomie guidato da Cristina Cappellini (Lega Nord), per “attribuire risorse per l’utilizzo di un numero verde, attraverso l’occupazione di operatori telefonici”.

L’obiettivo del numero verde ideato dalla Lega è individuare le scuole dove ci sono riferimenti alla cosiddetta “teoria gender: una sorta di “sos” per genitori e insegnati preoccupati, insomma. Un call center “di delazione”, invece, per le opposizioni. “Noi vogliamo sapere dove ci sono questi insegnamenti o vengono adottati libri che li promuovono – spiega Romeo – Una volta individuati gli istituti in questione, la Regione potrà intervenire o chiedere al ministero di muoversi. La nostra è una mozione a favore della famiglia, nucleo fondamentale della nostra società”.

Resta da attendere, se mai arriverà, la risposta del Ministero della Pubblica Istruzione, visto che di questa stiamo parlando. A tutela della professionalità degli insegnanti e delle bambine e dei bambini cui non guasterebbe qualche ora di educazione civica attenta alle differenze.

La risposta migliore arriva da Facebook, da una pagina che Gay.it segue quotidianamente:

Celebriamo oggi uno dei travestiti più famosi – e giustamente temuti – delle fiabe.#noallacaccia#lupidituttoilmondounitevi

Posted by Il Gender on Mercoledì 16 dicembre 2015

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...