Torino, test shock all’università: “Quanto è frequente l’omosessualità?”

Sinistra Italiana chiede spiegazioni.

Polemica a Torino per una domanda sull’omosessualità inserita nel test di genetica e malattie a cui hanno preso parte oggi 33.000 studenti di Medicina.

La domanda è la seguente: “Qual è la stima del verificarsi dell’omosessualità nell’uomo?” ed è stata inserita tra quelle su diagnosi, genetica e patologie: bufera all’università di Torino. Marco Grimaldi, capogruppo di Sel in Regione, e Cathy La Torre denunciano: “Abbiamo avuto in forma anonima una delle domande del test Progress sottoposto oggi a 33mila studenti di Medicina, somministrato per valutarne i progressi nell’apprendimento. Dunque vogliamo sapere se la comunità medica italiana ritiene ancora che l’omosessualità sia una malattia e vogliamo sapere che senso ha chiedere a dei futuri medici la stima dell’omosessualità nell’uomo”.

Senza mezzi termini viene chiesto alla Conferenza dei Presidi delle facoltà di Medicina di prendere una posizione e di fornire delle spiegazioni chiare: “Perché questa domanda nel 2017? Non certo per rendere medici e scienziati persone migliori e con meno pregiudizi”.

Ti suggeriamo anche  Polizia incide il termine 'gay' sulla pancia di un ragazzo 20enne
Storie

“Dietro le sardine la lobby gay”, l’attacco di Don Alfredo Maria Morselli

"Lobby gay e movimenti giovanili più o meno ecologisti, manovrati dai poteri forti". L'attacco di un parroco di Bologna alle sardine.

di Federico Boni