Torino, test shock all’università: “Quanto è frequente l’omosessualità?”

di

Sinistra Italiana chiede spiegazioni.

torino università
CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
8332 1

Polemica a Torino per una domanda sull’omosessualità inserita nel test di genetica e malattie a cui hanno preso parte oggi 33.000 studenti di Medicina.

La domanda è la seguente: “Qual è la stima del verificarsi dell’omosessualità nell’uomo?” ed è stata inserita tra quelle su diagnosi, genetica e patologie: bufera all’università di Torino. Marco Grimaldi, capogruppo di Sel in Regione, e Cathy La Torre denunciano: “Abbiamo avuto in forma anonima una delle domande del test Progress sottoposto oggi a 33mila studenti di Medicina, somministrato per valutarne i progressi nell’apprendimento. Dunque vogliamo sapere se la comunità medica italiana ritiene ancora che l’omosessualità sia una malattia e vogliamo sapere che senso ha chiedere a dei futuri medici la stima dell’omosessualità nell’uomo”.

Senza mezzi termini viene chiesto alla Conferenza dei Presidi delle facoltà di Medicina di prendere una posizione e di fornire delle spiegazioni chiare: “Perché questa domanda nel 2017? Non certo per rendere medici e scienziati persone migliori e con meno pregiudizi”.

Leggi   Torino Pride 2018, la Sindaca Appendino riceve gli organizzatori e la Presidente di Famiglie Arcobaleno
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...