Coppia gay aggredita brutalmente, si risvegliano in ospedale

Nella post-denuncia su Facebook, i ragazzi hanno detto che sono fortunati di essere ancora vivi.

Tristan e Spencer stavano passeggiando per strada, ad Austin nel Texas, dopo aver passato una serata in compagnia, quando sono stati attaccati da un uomo. Una scena già vista troppe volte, sia in Italia che all’estero, come la sceneggiatura dell’ennesima aggressione omofoba. Ha iniziano a insultarli, poi ha tirato un pugno in faccia a Tristan. Il ragazzo è caduto a terra con il setto nasale rotto. Spencer è subito intervenuto per difendere il compagno, ma l’aggressore ha avuto la meglio, picchiando violentemente anche lui.

Dopo l’aggressione, l’uomo se n’è andato, lasciando i ragazzi privi di sensi. Si sono risvegliati in ospedale, perché erano ancora svenuti quando sono arrivati al pronto soccorso. Le botte ricevute hanno procurato una commozione celebrale, diverse fratture, oltre a lesioni ed ematomi. “Se lui non fosse stato con me non credo avrei potuto scrivere questo post. Dio solo sa cosa sarebbe successo. Ha rischiato la sua vita per me e per questo non so spiegare quanto sono grato e mi sento fortunato ad avere un uomo così meraviglioso nella mia vita” ha affermato Tristan, orgoglioso di avere un ragazzo che è stato picchiato per difenderlo.

Lo svolgersi dell’aggressione ad Austin, Texas

I due ragazzi hanno spiegato che alle 2:20 di sabato scorso, uscendo da un night club, stavano tornando verso la loro auto mano nella mano. Proprio nel parcheggio hanno incontrato un uomo che li ha insultati. I due, offesi, hanno risposto per le rime all’omofobo, che li ha aggrediti, aiutato poi da alcuni suoi amici.

Ti suggeriamo anche  Avellino: ancora omofobia nei confronti di una coppia gay

Il gruppo si è accanito prima su Tristan e quando questo ha perso i sensi, si è concentrato su Spencer. La coppia ha voluto denunciare l’accaduto attraverso un post di Facebook, in cui mostrano le ferite riportate e raccontano la vicenda. La Polizia sta ora indagando, alla ricerca dei responsabili. I due ragazzo hanno spiegato che Austin è la città adatta a loro, e che continueranno a tenersi per mano in pubblico, senza timore. Hanno infine ringraziato l’uomo che, visto quando accaduto, ha chiamato i soccorsi. Con una raccolta fondi, hanno raccolto 15.000 dollari che serviranno per pagare le cure mediche.