Il primo ministro britannico Theresa May: “Vorrei i matrimoni gay anche in Irlanda del Nord”

Una sfida lanciata agli alleati estremisti del DUP?

Theresa May dice sì ai matrimoni gay nell’Irlanda del Nord, unica parte del Regno Unito a non aver ancora aperto alla piena uguaglianza per la comunità LGBT.

Il primo ministro britannico, con le recenti dichiarazioni rilasciate al magazine PinkNews, ha sfidato gli alleati del Dup, estremisti contrari all’aborto e ai diritti LGBT.

So che c’è preoccupazione per l’alleanza che abbiamo fatto con il DUP. Ma io credo fermamente nell’uguaglianza e penso che le persone LGBT nell’Irlanda del Nord debbano godere degli stessi diritti di tutto il Regno Unito”.

La May, parlando di se stessa, ha invece ammesso di aver aperto la mente, riflettuto a lungo e cambiato idea e percezione dei diritti LGBT. Una dichiarazione che cade a fagiolo, considerando che settimana prossima verrà celebrato il cinquantesimo anniversario della decriminalizzazione dell’omosessualità in Inghilterra e in Galles.

Ti suggeriamo anche  Alisson, il portiere della Roma che fa sognare anche chi non ama il calcio