Torino: Luxuria diventa sessuologa, in teatro

Vladimir Luxuria presenta mercoledì 4, giovedì 5 e venerdì 6 maggio al teatro “Agnelli”- via Paolo Sarpi 111 a Torino – “Si sdrai per favore”.

TORINO – Vladimir Luxuria presenta mercoledì 4, giovedì 5 e venerdì 6 maggio al teatro “Agnelli”- via Paolo Sarpi 111 a Torino – “Si sdrai per favore”, uno spettacolo ironico che affronta i problemi della sessualità in chiave comica e “scientifica”.

Un appuntamento lungo tre serate, in cui la prestigiosa Università Lasolunga di Roma concederà alla platea torinese la professoressa Vladimir Luxuria per tentare un esperimento innovativo: una terapia di gruppo fatta di vere e proprie lezioni di sesso. Una proposta speciale per pazienti-spettatori, accolti non all’interno di un freddo studio medico o di una grande aula universitaria, ma sprofondati nelle confortevoli poltrone del Teatro Agnelli.

Uno spettacolo ammiccante, mai volgare, una prova d’artista a tutto tondo che permette a Luxuria la possibilità di mostrare con talento cosa esiste al di là del personaggio.

TEATRO AGNELLI
Via Paolo Sarpi 111 – Torino – tel. 011/3042808 – fax 011/3199382

Mercoledì 4, giovedì 5, venerdì 6 maggio 2005
ore 21.00

ASSEMBLEA TEATRO
presenta
VLADIMIR LUXURIA
in

“SI SDRAI PER FAVORE”

di Vladimir Luxuria e Roberto Piana
con la partecipazione “medico-spettacolare” di Fuxia
regia di Roberto Piana

LEGGI ANCHE

Storie

Vladimir Luxuria vs. Daniela Santanché: ‘Per lei la libertà è...

Vladimir Luxuria replica a dovere a Daniela Santanché dopo l'ultima puntata di Alla Lavagna, che ha visto la senatrice protagonista.

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Storie

Alla Lavagna, Vladimir Luxuria risponde ad Adinolfi: ‘fondi la tua...

L'ex parlamentare è stata attaccata solo perché trans, anche se nessuno dei suoi accusatori parrebbe aver visto la puntata.

di Alessandro Bovo | 25 Gennaio 2019

Storie

Lega all’attacco di Vladimir Luxuria: “inaccettabile quanto visto su Rai...

Spadafora replica al leghista: 'è surreale continuare ad avere atteggiamenti omofobi e culturalmente regrediti'.

di Federico Boni | 22 Gennaio 2019