Torino Pride, il Toroc nega i volontari

di

Il Toroc nega la partecipazione dei propri volontari “per questione di privacy”. Confermato il calendario della settimana e i dettagli della parata.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
909 0

TORINO – A una settimana dalla grande parata dell’orgoglio gay di sabato 17, gli organizzatori del Torino Pride rivelano che il comitato olimpico del Toroc ha rifiutato la disponibilità dei propri volontari. «Finite le olimpiadi il Toroc dichiarò che i volontari del Toroc sarebbero stati disponibili per i grandi eventi della città» spiega il coordinatore Enzo Cucco. «Glielo abbiamo chiesto tempo fa, hanno tergiversato, poi hanno mandato una mail in cui spiegavano che per motivi di privacy non potevano inviare gli indirizzi dei volontari: ma noi non volevamo le loro mail, loro stessi dovevano comunicarlo. Comunque non credo si tratti di omofobia, il problema è generale: anche altre iniziative hanno chiesto i volontari del Toroc, per esempio le Olimpiadi degli Scacchi, senza ottenerli». Molti, invece, i singoli volontari anche etero che si sono offerti spontaneamente.
All’evento sono attese dalle trenta alle cinquantamila persone, il tracciato della manifestazione è stato confermato (da Porta Susa a Piazza Vittorio passando per via Cernaia, via Pietro Micca, Piazza Castello e Via Po) con concentramento iniziale dei carri in Corso Bolzano alle 16.30. Alle 21 in Piazza Vittorio si svolgerà il concerto ‘Stralunato Recital’ di Antonella Ruggiero (Simona Salis farà da spalla) con la partecipazione di Valentina Gautier in apertura, Luca De Paoli e Sally. La grande festa finale si svolgerà al Parco Colletta alla Pellerina. Per quanto riguarda le altre iniziative della settimana, sabato 10 si inaugurerà “Pride: In The Name Of Love”, una mostra di manifesti cinematografici presso Cinefolies in Via San Francesco da Paola 33, venerdì 16 si svolgerà presso il centro congressi della Regione Piemonte il convegno “Città amiche” e domenica 18 al Teatro Vittoria è in programma “Storia, memoria, narrazione, esistenza lesbica tra società, immaginario e letteratura nell’opera di Lilian Faderman”. (RS)

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...