Torta nuziale negata a coppia gay: entro giugno la sentenza della Corte Suprema

La vicenda e le sue implicazioni politiche (valide anche per l’Italia).

C’è una vicenda, passata un po’ sottotraccia in Europa, che negli Stati Uniti sta alimentando polemiche e discussioni a non finire: il caso della torta nuziale negata a una coppia gay.

Facciamo un passo indietro: nel 2012 un pasticciere di Denver, Jack Phillips, si era rifiutato (in nome di un rivendicato diritto al libero esercizio della religione) di confezionare una torta nuziale a una coppia gay. I due promessi sposi, David Mullins e Charlie Craig, avevano sporto denuncia e fatto ricorso alla Commissione dei Diritti Civili del Colorado, che aveva dato loro ragione (così come il tribunale). Il ricorso del pasticciere, invece, era stato respinto. Ora il caso è al vaglio della Corte Suprema, massimo organo giudiziario americano, e una sentenza è attesa entro giugno 2018.

Dal 26 giugno 2015 il matrimonio egualitario è un diritto riconosciuto a livello federale, ma questa e altre controversie testimoniano la necessità di una rigida regolamentazione in materia di discriminazioni per identità di genere e orientamento sessuale.

Il Federal Civil Right Act sanziona le discriminazioni per razza, colore, religione, sesso e nazionalità: manca la categoria dell’orientamento sessuale. Il risultato di questo vuoto normativo? Controversie come questa, o quelle legate all’uso dei bagni pubblici per i transgender (il caso più emblematico in North Carolina) o ancora la differenza di leggi che regola l’adozione di bambini da parte di coppie dello stesso sesso, con una casistica che varia – anche radicalmente – da Stato a Stato.

Ti suggeriamo anche  Svizzera, approvata in via definitiva la legge contro l'omofobia

La questione potrebbe essere facilmente traslata sul suolo italico, dove attendiamo da più di quattro anni una legge contro l’omofobia e contro la transfobia. La suddetta, approvata alla Camera nel 2013, è ancora ferma al Senato e non vedrà verosimilmente la luce in questa ultima fase di legislatura. A bloccare tutto, oltre agli innumerevoli emendamenti presentati dalla destra, quello firmato da Gregorio Gitti di Scelta Civica: “Non costituiscono discriminazione né istigazione alla discriminazione la libera espressione e manifestazione di convincimenti o opinioni riconducibili al pluralismo delle idee, purché non istighino all’odio o alla violenza, né le condotte conformi al diritto vigente ovvero anche se assunte all’interno di organizzazioni che svolgono attività di natura politica, sindacale, culturale, sanitaria, di istruzione ovvero di religione o di culto, relative all’attuazione dei principi e dei valori di rilevanza costituzionale che connotano tali organizzazioni”.

Un emendamento che, di fatto, aprirebbe a una sorta di tolleranza verso condotte discriminatorie. In America sarà la Corte Suprema a esprimersi, in Italia ancora attendiamo una legge dignitosa.