Toscana, prima trascrizione di un atto di nascita con due mamme senza l’intervento di un giudice

Arriva dalla Toscana la miglior notizia LGBT per chiudere degnamente il 2017.

Poche ore dopo la polemica perugina legata al piccolo Joan, che dopo 10 mesi d’attesa ha finalmente ottenuto la cittadinanza ma con il riconoscimento di una sola delle due mamme, tutt’altra notizia arriva dalla Toscana.

A rivelarla, su Facebook, Cathy La Torre, avvocato di GayLex che ha voluto archiviare il 2017 con una prima attesa volta.

La mia più vecchia amica e la sua compagna, hanno avuto un meraviglioso bimbo. Vivono prevalentemente in America, dove sono sposate e riconosciute entrambe come mamme. Dunque chiedevano che anche per l’Italia loro figlio avesse DUE MAMME. Chiedevano, cioè, che la verità fosse messa su carta stampata.
E così io e Michele Giarratano, con GayLex tutta, abbiamo ottenuto la PRIMA trascrizione di un atto di nascita con due mamme, senza l’intervento di un giudice.
La trascrizione è avvenuta in un comune della Toscana‘.

Altro, purtroppo, Cathy non ha potuto rivelare, ‘per evitare il rischio impugnazione da parte dello Stato‘, ma le due donne e il loro piccolo bimbo hanno potuto festeggiare la conquista ottenuta.

E’ stato un lavoro molto delicato, per il quale ringrazio tantissimo il prof. Angelo Schillaci di Famiglie Arcobaleno e Marco Gattuso di Articolo29‘, ha continuato sui social La Torre, prima di abbracciare un desiderio che noi tutti vorremmo veder realizzato nel 2018:

Ti suggeriamo anche  Piccolo comune del milanese iscrive all’anagrafe una bambina con due mamme e l’attribuzione del doppio cognome

Speriamo che il nostro impegno come avvocati e attivisti apra la strada al riconoscimento amministrativo delle famiglie omogenitoriali, senza dover passare dai tribunali, in attesa che ci sia finalmente una legge che tuteli tutte le famiglie‘.