Trans Olocausto:
più di 100 uccis*
dall’inizio del 2016

È in atto nel mondo un’ondata di violenza transfobica senza precedenti. Solo negli Stati Uniti dall’inizio del 2016 sono 14 le persone transessuali uccise.

È in allarmante aumento in tutto il mondo l’odio transfobico e la violenza contro le persone che cambiano genere. Gli individui transgender appaiono oggi come la categoria più debole e insieme rivoluzionaria, quella che maggiormente sfida i pregiudizi e le idee tradizionali, assumendo su di sé un carico al contempo di stigma e curiosità morbose. In molti paesi del mondo la scelta trans è ancora molto difficile, se non impossibile: gli individui transgender non hanno accesso alle cure ormonali e agli interventi chirurgici, non viene loro riconosciuto il diritto di cambiare sesso e nome sui documenti. Nei regimi totalitari vengono spesso imprigionati, picchiati, umiliati.

I dati sono inquietanti: almeno 100 vittime di omicidio nel mondo in questi primi sei mesi del 2016, tra le nazioni più a rischio oltre a Brasile (in assoluto il paese dove si contano più trans vittime di omicidio) e Turchia c’è anche l’Italia. Dall’inizio del 2016 solo negli Stati Uniti ci sono stati ben 14 omicidi di persone transessuali. Quasi tutte le vittime erano persone di colore, soprattutto nere. Alla luce di dati del genere gli esperti fanno presente che c’è un grande bisogno di aiutare la popolazione trans mondiale, includendo soprattutto nei programmi di supporto anche chi sta ai margini e corre più rischi: persone di basso reddito, detenuti, sex workers, e soprattutto donne.

Un’epidemia di violenza che nel 2015 ha visto il record negativo di 21 donne trans uccise solo negli Usa. Un numero che include solo i casi riportati dai media, che non tiene conto tra l’altro delle persone la cui identità transgender è stata negata, occultata o non riconosciuta. I delitti transfobici sono in costante crescita: per sensibilizzare e cercare di arrestare questo inquietante trend ci associamo allo sforzo di Advocate, che ha collezionato in un recente reportage informazioni dettagliate su ogni persona morta sinora negli Stati Uniti, sulla sua storia.

Ti suggeriamo anche  Coming out stories: un progetto per raccontare l'importanza di uscire allo scoperto

“Goddess” Diamond, 20 anni, New Orleans, Lousiana

goddess2-640x640

Questa trans di colore è stata uccisa il 5 giugno a New Orleans. La polizia e i giornali si sono riferiti a lei solo col suo nome maschile. Una scrittrice, anch’essa trans, Venus Selente, è stata la prima a notare che la vittima era trans e ha scelto per lei il nome di Goddess Diamond. Il suo corpo è stato ritrovato all’interno di un’auto data alle fiamme, anche se la ragazza sarebbe morta per un trauma da corpo contundente. Al momento non ci sono indagati per la sua morte. L’FBI sta cercando di capire se il killer ha ucciso per odio transfobico.

Amos Beede, 38 anni, Burlington, Vermont

Uomo trans senzatetto è stato trovato privo di sensi dalla polizia il 22 maggio nei pressi di un accampamento per homeless. Colpito molteplici volte alla testa e al corpo, è morto il 29 maggio in ospedale. Si pensa che l’agguato sia stato motivato dalla sua identità trans.

Mercedes Succesful, 32 anni, Haines City, Florida

12088027_853642681370586_7295472780788542095_n

Donna trans nera, nata in Giamaica, era un’attivista della comunità LGBTQI. Le hanno sparato in un parcheggio. Non si conoscono i motivi del delitto. Diversi media locali hanno continuato a riportare il suo nome maschile e a riferirsi a lei come a un uomo, quando invece testimonianze di amici e conoscenti hanno confermato che aveva da poco iniziato il processo di transizione. Si è inutilmente sottolineato che al momento del ritrovamento del corpo non era “vestita da donna”. La polizia non starebbe al  momento battendo la pista del crimine d’odio.

Ti suggeriamo anche  Rito religioso per la prima sposa trans, la Curia precisa: "Non è cattolico"

Tyreece “Reecey” Walker, 32 anni, Wichita, Kansas

Il suo corpo senza vita è stato ritrovato l’1 maggio dalla polizia, in un appartamento dal quale i vicini avevano sentito provenire urla e rumori sospetti. Per il delitto è sospettato un ragazzo di soli 16 anni. Avrebbe voluto laurearsi in psicologia oppure in assistenza sociale,per aiutare chi attraversa momenti difficili, simili a quelli che lei ha attraversato. Anche in questo caso i media si sono riferiti a lei al maschile,

Keyonna Blakeney, 22 anni, Rockville, Maryland

keyonna-blakeney-2-x750

Il suo corpo è stato rinvenuto dalla polizia il 16 aprile 2016, in una stanza d’albergo. La polizia pensa si tratti di omicidio. Era una makeup artist.

Shante Isaac, 34 anni, Houston, Texas

1285956_1280x720

Il corpo di questa donna trans di colore è stato ritrovato la sera del 10 aprile 2016, insieme a quello dell’amico Willie Smith. Avevano entrambi 34 anni anni. Willie probabilmente è morto per difendere Shante.

Quartney Davia Dawsonn-Yochum, 32 anni, Los Angeles, California

Le hanno sparato il 23 marzo, probabilmente il responsabile è un ventenne con cui la donna, trans e di colore, aveva avuto una relazione. L’omicidio sarebbe maturato dopo una lite tra i due.

Kedarie/Kandicee Johnson, 16 anni, Burlington, Iowa

CdxSjFIUUAEthxQ

Amava definirsi sia trans che gender-fluid. È mort* per colpi di arma a fuoco la sera del 2 marzo. Usava due nomi – Kedarie e Kandicee, senza rifiutare né l’identità maschile né quella femminile. La polizia non ha dichiarato al momento nessun movente all’origine del delitto. Le indagini sono in corso. Era un* ballerin* molto appassionat*. Sognava di fare l* stilist*.

Demarkis Stansberry, 30 anni, Baton Rouge, Louisiana

La transfobia miete vittime anche tra gli uomini, anche se ovviamente le più colpite restano le donne. Demarkis è stato ucciso a fine febbraio, colpito alla testa dai colpi di arma da fuoco esplosi da un giovane di 24 anni, Nicholas Matthews.

Ti suggeriamo anche  C'è un libro su un coniglio gay che infastidisce il vicepresidente USA Mike Pence

Maya Young, 24 anni, Philadelphia, Pennsylvania

Il suo corpo è stato ritrovato il 20 febbraio. È stata uccisa a coltellate. La polizia di Philadelphia ha offerto 20.000 dollari per chi fornirà informazioni risolutive per il caso.

Veronica Banks Cano, circa 35 anni, Philadelphia, Pennsylvania

cano1

Si cercano ancora le cause della morte di questa donna trans nera. È stata ritrovata il 9 febbraio, alle 9 di mattina, completamente vestita nella vasca da bagno di un motel.

Kayden Clarke, 24 anni, Mesa, Arizona

È il primo transgender uomo a essere stato ucciso quest’anno negli Stati Uniti. Due poliziotti gli hanno sparato in casa. Soffriva della sindrome di Asperger, una forma leggera di autismo che non intacca le capacità intellettive ma può portare a deficit di tipo sociale o comunque ad assumere comportamenti anomali. In un momento di difficoltà il giovane avrebbe tentato di aggredire i poliziotti, chiamati per controllare lo stato di Kayden. Nonostante fossero stati in possesso di armi per stordire i poliziotti hanno deciso di aprire il fuoco su Kayden.

Jasmine Sierra, Bakersfield, California

Il suo corpo è stato ritrovato dalla polizia il 22 gennaio. Mostrava segni di trauma e si sospetta sia stato un omicidio. Inizialmente il suo caso non era stato inserito nella lista di persone trans uccise quest’anno negli Stati Uniti perché i media locali hanno diffuso il suo nome maschile.

Monica Loera, Austin, Texas

Monica-Loera

È la prima donna trans uccisa quest’anno in America. Un uomo di 29 anni, JonCasey Rowell, è stato arrestato dalla polizia perché ritenuto l’autore del delitto. Amava Madonna e le piaceva cucinare.