Trans querela lo Zoo di 105 e su Facebook si scatena l’odio

di

Secondo una trans alcune frasi usate nella trasmissione di ieri sarebbero state "diseducative" ed ha sporto querela. Alla notizia, su Facebook i fan dello Zoo si scatenano: "Trans?...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
8996 0

 

Una trans querela la trasmissione radiofonca "Lo Zoo di 105" e su Facebook si scatena una violentissima furia omofoba.

A dare la notizia della querela è il profilo Facebook del programma (oggi la pagina è stata cancellata, ndr) con questo messaggio: "Vi faccio ridere: Un trans ci ha querelato per le battute di ieri in apertura!! Dicendo che siamo diseducativi!!! Noi???? Il mondo gira al contrario cazzo…". Uno status che già di per sé è omofo con quel "Noi????" come a dire: "Da che pulpito".

Le frasi che avrebbero spinto la trans a querelare la trasmissione, che è nota per essere dissacrante e irriverente, si riferivano al racconto di un’incursione fatta dal gruppo di presentatori la sera prima in un ristorante sudamericano talmente pieno di belle ragazze che "pure gli omosessuali si sarebbero ricreduti"; al loro tavolo il "re dei ricchioni", "nome d’arte Eva, un uomo che guadagna 2.500 euro al giorno" prostituendosi.

Mentre scriviamo sono passate appena 4 ore da quando il messaggio è stato pubblicato e i commenti sono già 252 di cui davvero pochi, pochissimi sono quelli che tentano, invano, di prendere le difese della trans davanti alla furia che si scatena tra gli altri commentatori.

La quasi totalità dei messaggi lasciati dai fan della trasmissione, oltre a portare alla luce un elevato livello di ignoranza sulla differenza tra un gay e una trans, rivelano un odio contro trans e omosessuali che dovrebbe far riflettere chi ancora si ostina a opporsi alla legge contro l’omofobia. Un utente scrive: "Proprio il finocchione ha il coraggio di parlare?!!! e tutti i finocchioni in tv?!! Quelli nn sn diseducativi nuooo… ke ne facciamo raga?! Fossa comune?!!!". Un altro aggiunge, giustificandosi con una ragazza che gli dà del razzista: "non e’razzismo ma a me un uomo che diventa donna fa schifo e va contro natura se permetti. Se Dio ti ha fatto nascere cosi’devi rispettare la sua volonta’. Stop poi possiamo stare a parlarne per ore. Io ho amici di colore e di altre nazionalita’ e sono contento di conoscerli e per questo sono un razzista?".

E ancora: "…nessuno gli ha puntato una patata alla tempia….se voleva nn lo ascoltava…e poi… da che pulpito vien la predicaaaaaa!!!!!????????? TU TRANSESSUALE…… ti senti educativo???? Fatti un’esame di coscienza, mettiti a posto con te stesso e poi vai a fanculandia…". Un’altra fan della trasmissione tenta la battuta: "non sapevo che anche gli animali potessero sporgere querela!!!". E poi c’è chi si spinge ancora più in là: "Cazzo!!!!! Sono di sesso maschile ma sono più isterici di una donna (vera) con le mestruazioni!!!!!!!! Culo rotto di merda!!! Si vede che a farselo sfondare non guadagnava abbastanza!!!!!!!!".

Un altro utente urla alla malattia: "SONO GENTE MALATA DI TESTA CRESCIUTI CON LA PERVERSIONE NELLA TESTA!!!!", mentre non manca chi ricorre al solito "contronatura" tanto caro ad omofobi e transfobi:"………..questa poi…….. Ma del resto, è educativo andare in giro col sedere di fuori, pesantemente truccati, con atteggiamenti contronatura…… Infatti il genere umano si è evoluto grazie alle coppie di uomini……. Mah…….".

Gli fa eco un altro: "Trans di merda…loro si che sono educativi…meta’ uomini e meta’ donna solo per fare soldi… merdeeeeeeeeeeeeeeeee…". E per finire qualcuno spera che una legge si approvi, sì, ma per dichiarare illegali le trans, come succederebbe in uno di quegli stati che di solito siamo abituati ad additare come liberticidi e dispotici: "dovrebbero mettere fuori legge quegli schifo di uomini non le droghe leggere…quelli disturbano tutti, una canna disturba solo la mia mente….x qualche ora e nn x una vita intera!!!!!".

Leggi   Pro Vita, la Sindaca Raggi fa sparire gli osceni manifesti omofobi: 'offendono tutti i cittadini'

La notizia sta facendo velocemente il giro del web, ma sulla pagina Facebook della trasmissione, al momento, nessuna considerazione, da parte dei conduttori (Marco Mazzoli, Gibba, Alan Caligiuri, Maccio Capatonda, Enrico Venti, Luigi Luciano) sul tono e sui contenuti dei commenti dei loro fan.

 

 

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...