35 trans arrestate, 2 uccise: allarme transfobia in Arabia Saudita

di

Le due uccise probabilmente a bastonate dopo averle rinchiuse in sacchi.

CONDIVIDI
173 Condivisioni Facebook 173 Twitter Google WhatsApp
9300 0

Il Grande Colibrì riferisce che la polizia saudita ha arrestato 35 transgender pachistane e, in seguito, si è resa responsabile dell’omicidio di due delle fermate, probabilmente mentre le torturava a bastonate dopo averle rinchiuse in sacchi.

Le due vittime sono Amna, originaria della città di Mingora nella provincia del Khyber Pakhtunkhwa, e Meeno, proveniente da Peshawar.

L’atto di vestirsi da donna in pubblico o l’essere transessuale – che già in Pakistan non viene accolto benissimo dalla società – nella monarchia saudita è visto come un vero e proprio pericolo da sradicare.

La maggior parte delle arrestate – di cui appena undici sono state rilasciate dopo il pagamento di 150mila riyal (circa 37.500 euro) – sono originarie del Khyber Pakhtunkhwa, mentre le altre sono provenienti da altre città del Pakistan.

L’operazione di polizia si è svolta in una casa di accoglienza, mentre era in corso un incontro formale per scegliere le guru (leader) e le chela (discepole) delle khwaja sara, un’espressione che è sinonimo di “hijra” e indica le persone nate con un corpo maschile, ma che sentono di appartenere a un “terzo sesso” e che assumono abbigliamento e comportamenti tipici del genere femminile.

Intervistata dal quotidiano The Express Tribune, la transgender Farzana ha dichiarato: “Le persone arrestate, se hanno partecipato a qualche attività illecita, andrebbero portate davanti a un tribunale e non trattate come spazzatura dalla polizia, come se fossero animali: uccidere qualcuno senza una sentenza è di per sé illegale“.

Lo scorso il consolato generale dell’Arabia Saudita aveva diffuso delle linee guida alla Travel Agents Association of Pakistan (Associazione delle agenzie di viaggio del Pakistan; TAAP) per evitare di concedere visti alle persone transgender che volessero effettuare il pellegrinaggio alla Mecca (successivamente la TAAP aveva negato il fatto).

 

Leggi   Vittoria transgender, l'Oms toglie la disforia di genere dai disturbi mentali
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...