Trovati inediti su processo Wilde per sodomia

di

Dopo piu' 100 anni, sono stati scoperte le trascrizioni dei colloqui avuti dallo scrittore con il suo avvocato. Consegnati alla British Library che li espone in questi giorni.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
929 0

LONDRA – Sono tornati alla luce i documenti originali del processo che vide imputato per sodomia lo scrittore irlandese Oscar Wilde (1854-1900). I documenti sono stati scoperti dopo piu’ di cento anni e gli storici ignoravano la loro esistenza. Gli inediti sono stati acquisiti dalla British Library di Londra, che ha deciso di esporli per la prima volta in pubblico dopo essere stati consegnati circa due anni e mezzo fa alla biblioteca nazionale inglese da un collezionista britannico che per ora ha chiesto di restare anonimo. L’esposizione dei testi e’ stata presentata ieri sera in uno spettacolo cui hanno preso parte l’attore Colin Redgrave, che ha prestato il suo volto allo scrittore, e il regista Steven Berkoff.
Si tratta delle trascrizioni dei dialoghi di Wilde con il suo avvocato, Edward Carson, durante il processo del 1895 che, dopo aver suscitato enorme scalpore nell’Inghilterra vittoriana, si concluse con la condanna per omosessualita’ dello scrittore, che sconto’ due anni di lavori forzati nella prigione di Reading. Secondo un portavoce della British Library, i documenti sono “drammatici e persuasivi”. Le trascrizioni dei colloqui rendono appieno “la sconvolgente situazione” vissuta da Wilde quando fu accusato pubblicamente di sodomia per la sua relazione intrattenuta con Lord Alfred Douglas, da lui soprannominato “Bosie”, il terzo figlio del marchese di Queensberry.
Quando il marchese venne a conoscenza della relazione tra suo figlio e l’autore di “Il ritratto di Dorian Gray” mando’ una lettera a Wilde insultandolo e accusandolo di omosessualita’. Wilde, famoso per il suo anticonformismo, replico’ con un’accusa per diffamazione. Si arrivo’ cosi’ al processo dell’aprile 1985 che si tenne nel famoso di tribunale di Old Bailey di Londra. Le udienze si conclusero il 25 maggio 1895 con la massima umiliazione per Wilde, dichiarato colpevole e condannato a due anni di lavori forzati per aver commesso atti contronatura.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...