Tutti in piazza contro il razzismo, la violenza e l’omofobia

Partirà alle ore 19 da Piazza Santi Apostoli la fiaccolata contro ogni tipo di intolleranza, a cui hanno aderito praticamente tutti, compreso Casa Pound, associazione legata all’ultradestra…

Il Sindaco, Il Presidente della Regione, quello della Provincia, la Diocesi, la comunità ebraica, le associazioni omosessuali, e ultimo arrivato, CasaPound, sui cui si sono abbattute un mare di polemiche.

"Li invito a non partecipare, così da evitare qualsiasi interpretazione sbagliata che possa portare a momenti di tensione".

A rispondere al Sindaco, giustamente preoccupato per la possibile presenza dell’associazione legata all’ultradestra, ci ha pensato Gianluca Iannone, Presidente di CasaPound, che ha dichiarato: "leggiamo dichiarazioni di sdegno nei confronti della nostra partecipazione. Registriamo l’appello del Sindaco e non parteciperemo più all’evento perchè evidentemente ne hanno frainteso il senso".

Preso atto dell’abbandono di CasaPound, la fiaccolata, “contro l’intolleranza e tutti i razzismi" vedrà scendere in strada l’intera città, a poco più di un mese dall’aggressione di ‘svastichella’ ai danni di due omosessuali vicino al Gay Village, dopo le bombe carta nella Gay street e gli attentati incendiari davanti la discoteca Qube e al circolo di destra Gens Romana, con un palco finale pronto ad accogliere Gigi Proietti, Giorgio Albertazzi e il pianoforte di Nicola Piovani.

Presenti all’appello tutte le associazioni glbt della capitale, dal Mario Mieli al Di Gay Project, fino all’ArciGay, con il Presidente uscente Aurelio Mancuso che ha dichiarato: "la fiaccolata di domani è un fatto positivo, soprattutto perchè proposta da istituzioni, ma non è esaustiva: si tratta infatti di una risposta a violenze di tutti i tipi che condividiamo, ma noi crediamo che la violenza contro di noi ha una radice nei nostri ‘non diritti’".  "Sarà la manifestazione del 10 ottobre (chiamata ‘Uguali‘) a chiarire davvero il punto. Per domani ad esempio ha aderito anche il Vicariato di Roma, ma mi chiedo se poi tutti saranno così pronti a spendersi per il riconoscimento dei diritti civili di gay e lesbiche in Italia. Altrimenti c’è un’ipocrisia di fondo".

Ti suggeriamo anche  Addio ad Andrea Berardicurti, La Karl du Pigné, colonna portante della comunità LGBT romana

La fiaccolata partirà intorno alle 19 da piazza Ss. Apostoli, per concludersi vicino al Colosseo, nei pressi della gay street, dove i partecipanti arriveranno percorrendo via Cesare Battisti, piazza Venezia e via dei Fori Imperiali. Tra i presenti anche Augusta Seganti, madre di Paolo Seganti, omosessuale barbaramente ucciso nel 2005. Anche per Paolo, e per gli altri 39 omicidi di gay e transessuali che hanno sconvolto la capitale negli ultimi 10 anni, si sfilerà quest’oggi.

Non mancherano ovviamente le provocazioni, con un gruppo di omosessuali pronti a sfilare mascherati e vestiti totalmente di bianco, come autentici fantasmi. Un’iniziativa nata su Facebook (con al momento 300 "ospiti" confermati), che si spiega attraverso questi semplici ed esaustivi punti:

Fantasmi perché così vorrebbero che fossero le persone lgbtqi.

Fantasmi, perché non sono violenza e razzismo i nemici delle persone lgbtqi, ma ignoranza e ipocrisia.

Fantasmi, che ci sono e non hanno paura di mostrare agli ipocriti di oggi che c’è una comunità lgbtqi che non si nasconde e non china la testa.

Fantasmi del diritto, della giustizia, nelle famiglie, dove lavoriamo o studiamo.

Fantasmi perché non vogliamo che l’omofobia sia identificata solamente con la violenza. Omofobia è non riconoscere le coppie omosessuali.Transfobia e omofobia è non intervenire con delle politiche culturali nelle scuole e nei luoghi pubblici. Omofobia è dire che non tutti gli affetti devono essere riconosciuti. Noi ci saremo, ma ribadiremo ciò che per noi è l’omotransfobia.

La macchina organizzativa è ufficialmente partita. Roma è chiamata a scendere in strada, dove si attendono almeno 20.000 persone, con la speranza che quelle candele non producano soltanto il solito fumo negli occhi, a cui noi omosessuali siamo ormai tristemente abituati.