Uccise il padre del suo ragazzo. Condannato

di

Pensava che il padre ostacolasse la sua relazione col figlio. Ecco come un 22enne si trasformò in assassino. Oggi la condanna a 12 anni. Rilevata la seminfermità mentale.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3833 0

TORINO – Dodici anni di carcere è la condanna inflitta a Emilio Raco, il ventiduenne che nel dicembre 2006, a Venaria (Torino), uccise a coltellate Flavio Feltrin, 53 anni, baritono del teatro Regio di Torino. La sentenza è stata pronunciata dal gup Alessandro Prunas Tola dopo un rito abbreviato.

Raco, studente di economia e commercio, era convinto che Feltrin ostacolasse la sua relazione omosessuale con il figlio. Il giudice ha escluso l’aggravante della premeditazione. I consulenti hanno dichiarato il giovane seminfermo di mente.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...