Udine: “Sei anni di umiliazioni. La scuola? Solo sofferenza”

E’ la storia di un ragazzo di 20 anni che per 6 è stato vittima di bullismo omofobo a scuola. L’ennesima storia. E denuncia: “Gli insegnanti? Complici degli omofobi non hanno mai fatto nulla”.

Quando sei un adolescente e sei vittima del bullismo omofobo, la scuola si trasforma da luogo di divertimento, amicizie, crescita in un "posto delle sofferenze e delle umiliazioni". E’ quello che racconta un ragazzo udinese di vent’anni a Repubblica.it che raccoglie una testimonianza schietta che non fa sconti a nessuno, a cominciare dagli insegnanti. Proprio loro che dovrebbero vigilare su quello che sccede a scuola, sui rischi che corrono i ragazzi che diventano più deboli perché finiscono nel mirini deo bulli, a volte finiscono per diventare parte di quel tritacarne al quale Francesco (nome di fantasia) è riuscito a resistere ma a cui alcuni soccombono.

Iscritto ad un istituto tecnico di Udine, francesco è vittima di battute, atteggiamenti, vessazioni omofobe da quando, a 14 anni, confessa alla sua migliore amica di essere gay. Lei lo racconta a qualcun’altro e la voce, inevitabilmente diventa di doinio pubblico.

Certo è difficile aspettarsi che i ragazzi sviluppino una cultura della diversità quando sono per primi gli insegnanti a non essere in grado di trasmetterla a loro.

Parlando del caso di Andrea, il 15enne suicidatosi a Roma qualche settimana fa, Paolo Berizzi chiede a Francesco: "I tuoi (insegnanti, ndr) come si sono comportati? Quando i compagni ti insultavano sono intervenuti?". "Mai – racconta senza messe parole il ragazzo -. Anzi, qualche insegnante si univa al coro: battutine, allusioni. Se un professore sa che in classe c’è un alunno omosessuale e scherzando con un altro alunno etero gli chiede "non hai la morosa, non sarai mica finocchio?", e tutti ridono, come posso sentirmi io?".

Ti suggeriamo anche  Sergio Pirozzi, candidato alla regione Lazio: "Contrario alle adozioni gay, i figli cercano il papà e la madre"

E ancora: "Insegnanti e preside che dicono quando i compagni ti prendono di mira?". "Niente – ripete -. Fanno finta che il problema non esista. Mi sbatto per portare anche nella mia scuola il corso (tra i primi in Italia) organizzato dall’ufficio scolastico regionale e dall’Arci gay per sensibilizzare sul bullissimo omofobico. La preside dice: "Il fenomeno qui non esiste". Quando sa benissimo che non è così. C’è un’omertà diffusa".

Francesco, però, una sponda a cui appoggiarsi ce l’ha: la sua famiglia. E forse è proprio questo, insieme probabilmente ad un carattere più forte di altri, che lo ha aiutato e lo aiuta ancora a fare muro contro il bullismo che subisce a scuola.

"Quando l’hai detto ai tuoi genitori?" gli chiede il giornalista.

"Un anno e mezzo fa. Mi vedono sempre giù – racconta -. Porto a casa una pagella disastrosa, seconda bocciatura. Mi chiedono: "cos’hai? ti droghi?" Mio padre fa: "sei gay? No". Un giorno arriva, prende un bel giro di parole per farmi la stessa domanda. A quel punto racconto. Lui si mette a piangere, ma è contento. "Finalmente dopo 18 anni conosco mio figlio". Prende contatti con l’Arci gay di Udine, mi dice: "Se un giorno ti va di fare due chiacchiere…". È stato un grande. Decidiamo, di comune accordo, che la cosa resta in famiglia". E infatti chiede che la sua identità non venga rivelata perché "i miei nonni farebbero fatica ad accettarlo".

Ti suggeriamo anche  Cisgiordania, l'Autorità palestinese 'bandisce' tutte le attività LGBT

Francesco ricorderà sempre gli anni delle superiori come un incubo di vessazioni e depressione che, forse, gli è costato anche due bocciature. Adesso le cose vanno un po’ meglio e non perché i suoi compagni di scuola siano maturati o gli insegnanti abbiano scelto la via del dialogo invece che quella della superficialità, ma perché Francesco in sei anni ha imparato a reagire, a sue spese. E ora, come dice a chi lo intervista, è anche disposto a raccontare tutto al provveditore agli studi.