UN’EUROPA FATTA PER NOI

Week-end finale ricco di manifestazioni per l’Europride di Colonia. Fiere nelle piazze, gran gala di beneficenza, maratone podistiche e feste per tutti i gusti. In attesa della parata di domenica.

COLONIA – Tirata finale per la manifestazione europea dell’orgoglio gay/lesbico: l’Europride di Colonia si chiuderà domenica 7 luglio con la grande parata nella quale, centinaia di migliaia di persone marceranno sotto lo slogan "Colonia celebra la diversità – Facciamo dell’Europa un posto per noi!".

La Germania ha una grande tradizione di manifestazioni dell’orgoglio omosessuale, qui note come "Christopher Street Day", e si può essere certi che la manifestazione di Colonia non si farà dimenticare: per 23 giorni dal 15 giugno fino al 7 luglio, l’Europride ha catalizzato l’attenzione nella città romana sul Reno, con eventi culturali, dibattiti, seminari, fiere all’aperto e soprattutto feste, tantissime feste che hanno affollato tutti i numerosissimi locali della città.

L’ultimo week-end prima della parata finale sarà una sorta di concentrato di attività: la punta di diamante dal punto di vista "politico" sarà il "Pride Village" sorta di fiera di strada che si terrà dal 5 al 7 luglio in ben quattro piazze (Roncalliplatz, Heumarkt, Rathausvorplatz e Alter Markt). La fiera lo scorso anno ha attirato circa 450.000 persone, con mercatini, artigianato, dibattiti, localini, feste, eventi gastronomici e shopping selvaggio.

Ma il grande evento finale sarà senza dubbio la parata, che si snoderà nelle vie principali di Colonia: concentramento alle ore 12 presso Aufstellung Siegburger Straße/Deutzer Hafen (Porta Deutzer…) e poi via fino ad avvicinarsi alla cattedrale, all’Heumarkt per i saluti finali, previsti per le 17. Parlerà persino il vice-cancelliere e ministro degli esteri Joschka Fischer ed è la prima volta che una figura istituzionale di così grande rilievo interviene a una edizione del Christopher Street Day; a causa di problemi di sicurezza, il ministro non potrà partecipare alla parata, ma il suo intervento dal palco è già attesissimo.

Ti suggeriamo anche  Germania, il presidente della Repubblica chiede perdono per la caccia ai gay durante il nazismo

Dopo i discorsi, prenderanno il via una quantità di feste da far venire i brividi. In Platz Apostelnkloster la musica (rigorosamente techno) comincia alle 15 con il "Music Plays Forever 2", mentre il party ufficiale dell’Europride aprirà le danze alle 21.30 nel Gloria, storico locale della comunità omosessuale di Colonia. Questi i due appuntamenti ufficiali, ma nel programma figurano occasioni per tutti i gusti: House-Night al DowntownClub, Pink Triangle CSD-Special sulle due aree del Neuschwanstein, e poi la CSD-Dance Marathon Leather & Fetish per gli amanti del genere duro al Chains, altro locale famosissimo tra bikers e s/m.

A dire il vero, il grosso delle feste si svolge nei giorni precedenti, quando il clima è ancora bollente in attesa della parata: i locali da tenere sott’occhio sono soprattutto quelli nominati, e anche il ClubH90. Tra gli appuntamenti degni di nota, due feste per sole donne nella serata di sabato 6 luglio, il Lesbian Celebration Party 2002 presso la Live Music Hall e il Women Pleasure Party Special al BürgerhausStollwerck. Gli orsi e i loro appassionati si ritrovano all’ AlterWartesaal per il Cock-pit Club, mentre la serata per gli amanti della pelle è l’ Euro-Leather & Fetish Dance Night che si tiene, sempre sabato, al Chains. Per i giovani, c’è il Young-Pride-Party 2002, festa ufficiale organizzata al Gloria.

Ti suggeriamo anche  Il 14 ottobre 1979 si celebrava il primo gay pride a Washington DC

Gli appuntamenti "seri" sono tanti anch’essi: venerdì alle 20, all’Hotel Maritim, c’è l’Europride Gala "Let the sunshine into your heart", evento di beneficenza contro l’Aids promosso dal circolo AIDS assistance Cologne. Ospite d’onore dell’evento la ministra federale Renate Kuenast, oltre a decine e decine di volti noti della cultura e dello spettacolo tedesco. Sempre venerdì, alle 13.15, conferenza di Amnesty International sulla situazione dei gay nell’Europa dell’est: partecipano membri delle sezioni nazionali di AI di Russia, Serbia, Polonia e Cecenia.

Per terminare questa incompleta esposizione degli eventi legati all’Europride (per tutto il programma potete consultare il sito www.europride.de), ricordiamo che sabato 6 luglio, a partire dalle 14, ci si ritrova per la grande maratona Europride-FrontRun, alla quale parteciperanno 550 corridori, in marcia – è il caso di dirlo – per i diritti dei gay.

Foto: © Neal Kießwetter