UN MISTER GAY IPER-MASCHIO!

di

Ama definirsi cacciatore e mascolino, ma ama i tipi efebici. Non ostenta orgoglio gay, ma è dichiaratissimo! E' Massimiliano, il napoletanissimo Mister Gay 2001! Gay.it lo ha intervistato...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1526 0

ATTENZIONE! MISTER GAY SARA’ NELLA CHAT DI GAY.IT CON WEBCAM GIOVEDI’ 31 MAGGIO DALLE ORE 23… PER ASSISTERVI BASTERA’ COLLEGARSI ALLA PRIMA PAGINA DI GAY.IT E SEGUIRE I LINK. CHI E’ TOSCANO, PUO’ VENIRE A VEDERLA "IN DIRETTA" AL PUB ABSOLUT, VIA MOSSOTTI 10, A PISA

Ecco le immagini in esclusiva, clicca qui!

L’intervista video a Mr Gay Italia 2001

Massimiliano era ancora a Milano, reduce dalla nottata al Nite Lite durante la quale è stato eletto Mister Gay Italia 2001. Lo abbiamo intervistato lì, dove ha intenzione di trasferirsi per lavoro, perché Napoli non gli dà soddisfazioni in questo campo. Si è appena licenziato da un posto fisso come risponditore telefonico, perché il lavoro era troppo ripetitivo e di routine.

Che cosa ti piacerebbe fare, allora?

Io sono appassionato di finanza e borsa; investo con i soldi miei ormai da quattro anni. Ho tutta la strumentazione immaginabile, su tutti gli studi possibili e immaginabil fatti in questo settore, solo che non ho un titolo: così nessuno mi caga, anche se ho mandato curricula a non finire. A Milano ho qualche colloquio da fare, si vedrà.

Ce l’hai il ragazzo?

Sono stato fidanzato sette anni e mezzo con un ragazzo, di nome Enzo, che ha 25 anni ora ma ci siamo lasciati a gennaio, anche se viviamo ancora insieme. Ci siamo conosciuti tramite un giornale locale di annunci. Allora non c’era ancora Internet…

Frequenti l’ambiente gay napoletano?

Solo quello virtuale, soprattutto le chat di Gay.it.

E la sera non esci?

Non frequento piazze di tipo gay, non perché sono razzista. Vado in discoteca, ma ad esempio a Piazza Bellini a Napoli non ci sono quasi mai.

Quando hai cominciato a scoprirti gay?

Ho cominciato a ferquentare a 19 anni, anche se mi sono scoperto da sempre, diciamo. Non ho mai avuto problemi di accettazione. Io sono una persona molto insicura nella vita, in tutto. Questa è l’unica cosa di cui non sono mai stato insicuro. E di questo sono fiero.

Anche i tuoi lo sanno?

I miei lo sanno da quando ho cominciato a frequentare, perché cominciavano a vedermi sempre meno. Ero un ragazzo molto timido e chiuso, poi quando ho cominciato a frequentare, uscivo sempre la sera e tornavo tardi, e loro si sono preoccupati, pensando che mi drogassi. Allora ho detto: "No, mamma, sono gay, non c’è problema". Che non ci fosse problema lo pensavo io: sono passati nove anni, quasi dieci e ancora mi devono accettare, soprattutto mia madre, che ancora mi chiede quando mi sposerò. Penso che quando vedrà gli articoli su Mister Gay, la porteranno all’ospedale.

Ora però, non vivi più con loro…

No, da quattro anni, e da allora i rapporti si sono aggiustati.

Raccontaci il tuo primo bacio.

Era con Massimo, un ragazzo di cui sono ancora molto amico. Io avevo 19 anni. L’ho conosciuto all’Arci di Napoli, il primo posto che ho frequentato, e lui, logicamente, era il più bel ragazzo che ci stava…

Che tipi di ragazzi ti piacciono?

Mi piacciono giovani, che abbiano un viso molto giovane, un po’ efebico; non mi piacciono i tipi marcati e mascolini: ci sono già io che faccio il mascolino.

Anche nel sesso sei il… mascolino?

Ma dobbiamo fare proprio questo tipo di intervita (ride)? Vabbè, rispondo come ho risposto alla gara quando mi hanno chiesto se ero attivo o passivo, ma rispondo solo perché lo facciamo per scherzo… Se uno mi dice che è solo passivo io lo scarto. Questa è la mia "regola".

Che importanza ha il sesso in una relazione?

Importantissimo. E’ una cosa fondamentale, perché se non c’è una buona intesa sessuale è inutile portare avanti dei rapporti basati solo sul "platonico" o sull’amore. Rischiano di finire prima o poi. Io baso molto qualsiasi rapporto (dico qualsiasi perché da quando mi sono lasciato col mio ragazzo ho avuto anche altre conoscenze…) sul primo approccio sessuale. Uno mi deve piacere sessualmente. Mi deve piacere la persona, poi mi deve piacere sessualmente e poi vedo se la cosa va avanti. Le cose che mi attraggono di più sono gli occhi e le labbra…

Sei fedele?

Sono troppo fedele. Troppo. Sono anche geloso, ma di solito sono gli altri che sono gelosi di me, e allora la cosa diventa più facile, perché se è lui che "schiatta" per me, io mi sento più sicuro. E comunque io sono un cacciatore, non mi piace assolutamente essere preda. Non voglio assolutamente che le persone stiano appresso a me. Sono io che devo costruire la cosa, me la devo sudare: non mi piacciono le cose veloci, non mi piacciono le dark. Ti parlavo di sesso, però, a dire la verità, ogni volta che io sto con una persona ci faccio l’amore: puoi chiedere a tante persone che sono state con me, perché ho avuto molti rapporti. Sanno benissimo che io non faccio sesso, mi piace fare l’amore, cioè avere quel rapporto di quell’ora o quelle due ore di intimità e affetto. Questa cosa mi porta poi spesso a fare dei casini, perché magari l’altro si innamora e io invece no.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...