UN PALAZZO TUTTO GAY

Berlino: un progetto abitativo per gay e lesbiche.

BERLINO – Si chiama „Am Friedrichshain 27“ ed è nel cuore di Berlino a due passi dall‘Alexanderplatz. Si tratta del progetto partito in ottobre di una palazzina di otto appartamenti destinata ad inquilini e inquiline omosessuali. Quattro appartamenti hanno già trovato acquirenti. L‘idea è dell‘architetto Henning Haupt: gay e lesbiche, singles o in coppia, con bambini o no, si costruiscono una casa insieme e così si liberano dalle noie di vicini omofobi e da complicazioni con il portiere, insomma si costruiscono una libertà vera e propria in pieno centro e in più di fronte ad un parco.

L‘idea punta al raggiungimento della massima flessibilità architettonica. Si cerca di tenere in conto le esigenze specifiche dei vari proprietari. Il palazzo godrà anche di una certa facilità di ristrutturazione interna che permetterà in futuro sia di unire che di separare le varie unità abitative. Sembra insomma un ottimo specchio della „mobilità“ postmoderna della vita di coppia. Non si bada al risparmio: l‘altezza degli appartamenti è di 4 m e 20, il palazzo è fornito di un miniappartamento per gli ospiti, di una terrazza a tetto, officine per il fai-da-te, stanze per il fitness e di una sauna.

Per chi avesse interesse ad uno dei quattro appartamenti ancora liberi questo è il numero di fax. dello studio Haupt 0049-(0)30-69505092.

di Emanuele Sgherri – da Berlino

LEGGI ANCHE

Storie

Pianificava attentato in un locale gay, arrestato 17enne

Un minorenne aveva intenzione di compiere atti terroristici in un locale gay e in una chiesa di Francoforte.

di Federico Boni | 18 Settembre 2018

Storie

Germania: via libera al terzo genere sessuale nei documenti

La coalizione della cancelliera Angela Merkel ha aperto al possibilità di registrare come "vario" il sesso dei neonati.

di Redazione | 17 Agosto 2018

Storie

Germania, il presidente della Repubblica chiede perdono per la caccia...

Frank Walter Steinmeier ha parlato a una commemorazione LGBTI a Berlino.

di Gianluca Pellizzoni | 4 Giugno 2018