Un virus combatte l’Aids

Ricercatori americani e tedeschi hanno scoperto che un virus apparentemente innocuo aumenta la sopravvivenza dei malati di Aids, interferendo con l’Hiv, il virus mortale responsabile della malattia.

In studi separati pubblicati stamane sul ‘New England Journal of Medicine’, scienziati dell’Università dello Iowa e della scuola di medicina di Hannover indicano che gli ammalati di Aids sopravvivono molto più a lungo se sono stati anche infettati di recente da un virus non collegato con l’Hiv e chiamato GB virus C o GBV- C. I tassi di sopravvivenza sono da tre a quattro volte superiori a quelli degli altri malati.

Secondo gli studi, il GBV-C bloccherebbe, o almeno contrasterebbe, l’Hiv, quando questo cerca di attaccare l’organismo. Ma i meccanismi d’efficacia del contrasto non sono stati ancora individuati: una volta compresi, essi potrebbero consentire di produrre medicinali efficaci. Un ruolo importante sembra averlo il momento in cui l’infezione da GBV-C avviene rispetto a quella da Hiv: l’ideale sarebbe che l’organismo contraesse il GBV-C circa un giorno prima dell’Hiv. Troppo presto, o troppo tardi, renderebbe, invece, l’azione di contrasto inefficace. (Red)

di Nadir notizie

Ti suggeriamo anche  Test Hiv per i minori senza il consenso dei genitori, l'annuncio della ministra Grillo