Una cartolina da Guinness per combattere l’Aids

Lunga 33 metri e alta 1,30, la cartolina d’auguri più grande del mondo si è snodata questa mattina nel cuore di Roma.

ROMA – Una cartolina da Guinness dei primati per combattere l’Aids. Lunga 33 metri e alta 1,30, la cartolina d’auguri più grande del mondo si è snodata questa mattina nel cuore di Roma, nella Galleria Colonna, per essere dipinta dagli studenti di due licei, il Paul Klee di Genova e il Caravillani di Roma, dal 4 al 12 dicembre. La cartolina verrà riprodotta in miniatura in 600mila esemplari e venduta in 38mila edicole italiane. Comprandone cinque, al costo di 4 euro, si finanzieranno borse di studio per medici e biologi e donare apparecchiature scientifiche ai centri di ricerca dell’Aids.

“E così un aiuto concreto alla lotta all’Aids – afferma Fernando Aiuti, presidente dell’Anlaids – può venire anche da una cartolina. Assieme a questo mastodontico biglietto d’auguri – aggiunge il presidente – la nostra associazione lancia anche un nuovo slogan: ‘Ti amo da morire. Comunque vadà, per spingere i ragazzi a fare il test dell’Hiv. Sono in tanti a scoprire di aver contratto il virus troppo tardi, quando iniziano ad avvertire i sintomi della malattia”.

La cartolina dell’Anlaids, iniziativa patrocinata da Palazzo Chigi, dai ministeri della Salute e degli Interni e premiata con una targa d’argento dal presidente della Repubblica Ciampi, approderà, una volta ultimata, nella redazione dei Guiness del Regno Unito.

Ti suggeriamo anche  PrEP, il rischio di infezione per i soggetti ad alto rischio si abbassa del 92-95%