Unioni civili by Giovanardi: un costoso contratto dal notaio

Il senatore si proclama convertito alle unioni civili e presenta un testo fra i più conservatori: la coppia ha l’obbligo di presentarsi davanti ad un notaio e stipulare un contratto.

O ci è o ci fa. Il convertito, si intende. Il senatore Carlo Giovanardi da sempre contrario a qualsiasi riconoscimento delle coppie dello stesso sesso si proclama improvvisamente favorevole alle unioni civili tanto da presentare un testo di legge che se approvato – ipotesi più che improbabile – costringerebbe la coppia  apresentarsi davanti ad un notaio per stipulare un contratto di tipo economico.

L’intento è chiaro. In un colpo solo si impedirebbero eventuali cerimonie annesse all’unione oltre che un riconoscimento dell’anagrafe comunale. Per non parlare della freddezza dell’atto notarile ben lontana da una promessa d’amore tipica di un’unione. E i costi? Meglio lasciar perdere. Come si sa anche solo presentarsi davanti ad un notaio è un dispendio economico.

Eppure il testo è lì, al Senato, bello pronto per un’eventuale votazione. Si tratta del testo 3438: "Introduzione nel codice civile del contratto di convivenza e solidarieta". Una legge più per scongiurare eventuali altre proposte di legge che vanno nella direzione del matrimonio per le persone dello stesso sesso. Una vera e propria "deriva" come sembra descrivere l’introduzione alla legge: "La Corte costituzionale – si legge nel testo Giovanardi – ha ribadito in una recente sentenza che la famiglia, come scolpita nell’articolo 29 della Costituzione, è ‘società naturale fondata sul matrimonio’ fra un uomo ed una donna, come la stessa Corte ha più volte avuto modo di precisare".

Ti suggeriamo anche  Giovanardi definisce le nozze tra le due marinaie una 'goliardata in alta uniforme'