Università: bando per ricerca sugli orientamenti sessuali

È alla terza edizione il Premio “Maria Baiocchi” per tesi di Laurea e Dottorato di Ricerca in studi gay lesbici bisessuali e transessuali.

ROMA – In un periodo nel quale quasi quotidianamente ci tocca sentire solenni stupidaggini medievali sul fatto che l’omosessualità sarebbe “contro natura”, “intrinsecamente disordinata”, “devianza del comportamento”, e via blaterando, segnaliamo doverosamente il fatto che anche quest’anno l’associazione Dì Gay Project bandisce un concorso intitolato a Maria Baiocchi per Tesi di Laurea e di Dottorato di Ricerca, nel campo degli studi umanistici (storici, giuridici, sociali) ma anche delle scienze economiche e psicologiche che incoraggiasse e valorizzasse la ricerca sulle identità di genere e sugli orientamenti sessuali. I premi messi in palio sono: due premi in danaro della somma di 1000 euro per le due migliori tesi di laurea ed una Borsa di studio della somma di 2500 euro per la migliore tesi di dottorato. Il premio, giunto alla sua terza edizione, è stato patrocinato dalla Presidenza della Regione Lazio e dagli Assessorati alla Cultura della Regione Lazio, alle Politiche della Scuola della Provincia di Roma, e da quelli Politiche Culturali e Comunicazione, Pari Opportunità del Comune di Roma.

Imma Battaglia, Presidente di Dì Gay Project, spiega che lo “Scopo primario di questo nostro progetto è quello di raccogliere e mettere in rete informazioni che possano risultare utili a chi volesse documentarsi in tal senso; con Domenico Rizzo, ricercatore presso l’Università Orientale di Napoli, evidenziamo il ritardo cronico che in Italia scontiamo in merito a quelli che nei paesi di lingua anglosassone vengono chiamati ‘gender studies’.”

Si tratta certamente di un’iniziativa da sostenere, utile per il confronto tra i tanti giovani studiosi di tutta Italia e preziosa per allargare l’area di conoscenza in un ambito che vede la ricerca scientifica ancora fortemente ostacolata da vecchi stigmi di base religiosa. Per scaricare il bando e per maggiori informazioni consultare il sito di Di Gay Project.

Dal lavoro presentato alla precedente edizione del premio è già scaturito il libro “Omosapiens”, curato da Domenico Rizzo e pubblicato dall’editore Carocci, che offrirà occasione di dibattito al convegno sulle Differenze Sessuali e Scienze Sociali che si terrà il 4 aprile a Palazzo del Bo a Padova. (Roberto Taddeucci)