Dublino, all’università 170 bagni ‘gender neutral’

Lo University College Dublin apre ai diritti degli studenti transgender e genderqueer.

Lo University College Dublin è la più grande università della Repubblica d’Irlanda, con oltre 1300 docenti e quasi 32000 studenti, nonché una delle migliori università del mondo.

Ebbene nei giorni scorsi l’UCD ha annunciato la nascita di 170 bagni ‘gender neutral’, in modo da poter creare un ambiente più accogliente per gli studenti transgender e genderqueer. L’Università ha inoltre in programma di introdurre uno spogliatoio di genere all’interno del proprio centro sportivo, per poi consentire agli studenti trans di cambiare il proprio nome sui documenti universitari ufficiali senza l’obbligo di presentare certificati di riconoscimento di genere. In Irlanda sono infatti richiesti certificati di riconoscimento di genere affinché lo stato riconosca il genere preferito.

Le nostre università sono motori di cambiamento, promotrici di uguaglianza e paladine della giustizia“, ​​ha dichiarato Katherine Zappone, ministro per l’infanzia e la gioventù, che ha dato vita alla politica sull’identità e l’espressione di genere all’interno dell’Università. “L’UCD continua questa orgogliosa tradizione fornendo un campus accogliente per gli studenti e i dipendenti trans e genderqueer“. “Finché i membri della nostra comunità si sentiranno soli, discriminati o addirittura impauriti“, ha proseguito, “il nostro viaggio verso l’uguaglianza non è finito. Come accademica e come ministro indipendente ringrazio l’UCD per averci fatto compiere un altro passo verso l’obiettivo della piena uguaglianza per tutti.”

Ti suggeriamo anche  Il cammino di Mariana verso la transizione, accompagnata dal figlio 19enne

Il presidente dell’università universitaria di Dublino, il professor Andrew Deeks, ha dichiarato: “questa norma afferma e celebra i diversi generi e le espressioni di genere che si riflettono nel nostro grande staff multiculturale e nella popolazione studentesca“.