USA: allarme AIDS, omosessuali meno attenti

I nuovi farmaci anti Aids stanno producendo un effetto ‘boomerang’ a San Francisco: la paura è passata, e sono tornati a salire i casi di infezione di Hiv e di malattie veneree come la sifilide.

WASHINGTON – I nuovi farmaci anti Aids stanno producendo un effetto ‘boomerang’ a San Francisco: nella capitale mondiale dei ‘gay’, la paura è passata, la promiscuità è aumentata e con essa sono tornati a salire i casi di infezione di Hiv e di malattie veneree come la sifilide.

Le autorità cittadine sono molto allarmate dal nuovo ‘trend’ e, con la collaborazione di ristoranti, caffè e locali notturni, hanno lanciato una campagna a tappeto per favorire i controlli medici volontari: chi accetterà i test, beneficerà di una serie di sconti.

Per quasi 20 anni, San Francisco è stata l’epicentro dell’allarme Aids negli Stati Uniti. Grazie ai nuovi farmaci e alla consapevolezza del pericolo, anche se la battaglia non è ancora stata vinta i casi mortali sono diminuiti.

Dieci anni fa, all’apice della crisi, nella sola città californiana ogni anno circa 1.800 persone morivano di Aids.

L’anno scorso invece i decessi sono stati 218, secondo i dati forniti dalle autorità sanitarie locali.

Stando al quotidiano ‘Washington Post’, San Francisco non pensa piu’ come prima al pericolo Aids e i ‘gay’ si sono nuovamente scatenati: piu’ promiscuità e piu’ sesso libero senza nessuna protezione.

Il risultato è che i casi di infenzione da Hiv, l’anticamera dell’Aids, nell’ultimo anno sono raddoppiati mentre i casi di sifilide sono quadruplicati.

"Grazie ai nuovi farmaci la paura dell’Aids è passata, ora è difficile vedere la malattia sul viso di qualcuno in giro per San Francisco, e cosi’ molti sono meno attenti", ha detto un portavoce di ‘Stonewall’, un gruppo locale che tutela gli interessi della comunità ‘gay’.

Ti suggeriamo anche  Superman gay, Colton Haynes vota Matt Bomer al posto di Henry Cavill

La stessa tendenza è evidente in altre città americane a forte presenza ‘gay’.