USA: forse presto il primo vaccino anti-Aids

Dagli Stati Uniti potrebbe arrivare il primo vaccino anti-AIDS, prodotto dalla casa farmaceutica Merck & Co: si tratta di un preparato che consiste in un adenovirus geneticamente manipolato.

Dagli Stati Uniti potrebbe arrivare il primo vaccino anti-AIDS, prodotto dalla casa farmaceutica Merck & Co: si tratta di un preparato chiamato “MRKAd5 HIV-1 gag/pol/nef”, o più semplicemente “vaccino trivalente”, che consiste in un adenovirus geneticamente manipolato,

nel quale sona stati inseriti pezzi di hiv. Con tre dosi del vaccino, viene stimolata l’azione delle cellule cosiddette “T-killer” creando una risposta immunitaria senza infettare realmente la persona a cui è stato somministrato il vaccino stesso.

La sperimentazione, sempre negli Stati Uniti, si sta svolgendo sotto il controllo dell’HIV Vaccine Trials Network: nella prima fase le tre dosi del vaccino sono state somministrate a 1000 volontari, dimostrando la validità del meccanismo biologico su cui si basa il vaccino.

Nella seconda fase, al via da poco, si è somministrato il vaccino ad alcuni volontari e, se i risultati saranno quelli attesi, si estenderà la somministrazione ad altre 1500 persone fra i 18 e 45 anni, di diversi gruppi raziali e ad alto rischio di contagio. Se il vaccino supererà anche questa, si darà inizio ad una terza ed ultima fase, che dovrebbe portare nel giro di 10 anni ad avere a disposizione un vaccino definitivo.

LEGGI ANCHE

Storie

Donald Trump all’America: ‘basta HIV/AIDS entro dieci anni’ (ma ha...

Dopo aver dichiarato guerra alla ricerca, Donald Trump promette la fine dell'epidemia HIV/AIDS entro il 2030. Insorgono le associazioni LGBT.

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Storie

Regno Unito, ‘zero trasmissioni di HIV entro il 2030’

Peccato che la Brexit potrebbe compromettere il piano. La maggior parte delle forniture di PrEP sono importate privatamente dall'UE.

di Federico Boni | 30 Gennaio 2019

Storie

Dentista caccia sieropositivo, l’associazione nazionale lo difende: le parole del...

Botta e risposta tra il Gay Center e l'ANDI Associazione Nazionale Dentisti Italiani, che è così intervenuta sul caso della...

di Federico Boni | 14 Gennaio 2019