USA: militari in processo per la visibilità

Dodici militari gay hanno avviato oggi a Boston una azione legale contro il Pentagono per contestare la politica ‘don’t ask, don’t tell’ in vigore da anni nelle forze armate Usa.

BOSTON – Dodici militari gay hanno avviato oggi a Boston una azione legale contro il Pentagono per contestare la politica ‘don’t ask, don’t tell’ (non chiedere, non dire) in vigore da anni nelle forze armate Usa.

La politica, messa in atto dalla amministrazione Clinton e confermata da Bush, consente a gay e lesbiche di prestare servizio in divisa purche’ non parlino apertamente delle loro preferenze sessuali e si astengano da attivita’ omosessuali.

Secondo i dodici militari una recente decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti, che ha dichiarato anti-costituzionali le leggi statali che considerano un reato i rapporti omosessuali, ha cambiato le carte in tavola: la politica ‘don’t ask, don’t tell’ e’ diventata obsoleta.

Ti suggeriamo anche  Svolta nella più antica università cattolica americana: arrivano i dormitori LGBT