Vaccino anti-Aids della Ensoli: conclusa fase 1

di

E' sicuro, in quanto privo di effetti collaterali, il vaccino contro l'Aids messo a punto da Barbara Ensoli.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
991 0

MILANO – E’ sicuro, in quanto privo di effetti collaterali, il vaccino contro l’Aids messo a punto da Barbara Ensoli. E’ quanto è emerso dalla conclusione della fase 1 della sperimentazione, che ora dovrà essere seguita dai successivi test di fase 2 e 3 per valutarne la reale efficacia.
A quanto si apprende, la fase 1 della sperimentazione si è conclusa con successo. Dalle insistenti indiscrezioni circolate in questi giorni a Milano, al congresso nazionale dell’Anlaids, la sperimentazione del vaccino messo a punto dalla ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), condotta su 75 volontari, uomini e donne, e compiuta in quattro Centri (tre a Roma e uno a Milano) ha dato risultati soddisfacenti.
Si è appreso inoltre che in una riunione a Roma all’ISS è stato deciso di andare avanti e passare alla fase 2 per avere le prime risposte sull’efficacia del vaccino sull’uomo. Questa fase richiederà comunque diversi mesi di lavoro.
Un anno fa, di questi giorni, Barbara Ensoli, proprio al Congresso dell’Anlaids (che nel 2003 si è svolto a Roma), annunciò che era iniziato l’ arruolamento dei volontari per la fase 1 della sperimentazione, quella della sicurezza. Massiccia l’adesione dei volontari, sieropositivi e sieronegativi, all’appello della ricercatrice.
I 75 volontari si sono sottoposti agli studi in quattro centri: uno a Milano diretto da Adriano Lazzarin; gli altri tre a Roma, presso l’università La Sapienza diretto dall’immunologo Fernando Aiuti, l’istituto Spallanzani diretto da Giuseppe Ippolito e l’ospedale San Gallicano.

Leggi   HIV e AIDS: quanto ne sai?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...