Vaticano, al Sinodo si parlerà di matrimonio egualitario

Una decisione che avrebbe diviso gli stessi vescovi, con i più conservatori sul piede di guerra.

Paolo Ruffini, Prefetto del Dicastero della Comunicazione in Vaticano, ha rotto gli indugi. All’imminente Sinodo dei giovani si parlerà anche di matrimonio egualitario.

È stato detto che i temi dell’omosessualità e dei matrimoni dello stesso sesso non possono essere lasciati fuori dalla pastorale“, ha riferito Ruffini nella giornata di ieri, come riportato da IlMessaggero. Il Sinodo dei Vescovi è un’istituzione del Collegio episcopale della Chiesa cattolica istituita da papa Paolo VI nel 1965.

Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo, aveva anticipato nei mesi scorsi che nell’assise dei giovani sarebbero stati per la prima volta toccati argomenti ‘tabù’ come quello delle nozze gay. Una decisione che avrebbe diviso gli stessi vescovi, con i più conservatori sul piede di guerra.

Charles Chaput, arcivescovo di Philadelphia, si è già detto contrario ad una simile discussione, con l’espressione «gioventù LGBT» per la prima volta ad un passo dall’essere presentata in un documento ufficiale della Chiesa cattolica.