Veneto, in Regione la mozione per la Festa della famiglia naturale

Alessandro Zan: “E’ un nuovo manifesto della razza. Intervenga il presidente Zaia”.

Nelle prossime settimane la Lega Nord ripresenterà in Consiglio Regionale veneto una mozione – la n. 270 – che impegna la Giunta a individuare una data per celebrare la “Festa della Famiglia Naturale”, fondata “sull’unione tra uomo e donna”. Nell’atto – sottoscritto dai consiglieri regionali Lazzarini, Caner, Finco, Bassi, Finozzi, Cappon, Falconi, Toscani, Ciambetti, Stival, Manzato, Baggio e Possamai e presentato il 4 luglio scorso – si leggono chiari richiami al concetto di famiglia naturale fondata sulla procreazione come “unico adeguato ambito sociale in cui possono essere accolti i minori in difficoltà”, nonché attacchi all’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) per la messa in pratica della strategia nazionale LGBT e al Documento Standard per l’educazione sessuale in Europa redatto dall’ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità; questi ultimi accusati dai consiglieri firmatari di rappresentare una “aperta propaganda contro la famiglia naturale, soprattutto nel mondo scolastico”. A renderlo noto è Alessandro Zan, deputato di Libertà e Diritti e attivista per i diritti lgbt.

“Quella mozione è un nuovo manifesto della razza, che fa della discriminazione e della diseguaglianza tra famiglie il suo punto forte, in un susseguirsi di disinformazione, strumentalizzazione, pregiudizi e stereotipi della peggior specie – dichiara Zan -. Quel documento offende tutti i cittadini della nostra Regione, compresi coloro i quali sono impegnati con un mandato politico all’interno dell’Ente. Ciò che tuttavia indigna maggiormente è il silenzio del governatore Zaia, che rimane ai margini di una iniziativa che proviene dal suo partito e che di fatto getta fango sulla mozione contro l’omofobia approvata all’unanimità in Consiglio Regionale nel febbraio del 2012, e così sugli impegni concreti contro le discriminazioni che avrebbero dovuto seguirvi”. “Mi auguro – conclude Zan – che il Consiglio Regionale sappia emarginare iniziative di questo tipo, che rischiano di istigare all’odio e alla criminalizzazione del diverso, strumentalizzano in modo ridicolo provvedimenti quali il ddl Scalfarotto contro l’omofobia, arrivando a sostenere nel testo dell’atto che ‘chi si dichiarerà contrario al matrimonio fra persone dello stesso sesso sarà punito con 1 anno e 6 mesi di reclusione’. Una bugia di bassa Lega, che conferma ancora una volta la necessità di rinnovare radicalmente la guida politica della nostra Regione”.

Ti suggeriamo anche  Anche quest'anno Trump cancella il "Pride Month": giugno diventa "Mese dell'Oceano"