“Via quei libri dalla biblioteca comunale: suggestionano i ragazzi”

Due libri a tematica gay contestati dai consiglieri Pdl, ma furono loro a comprarli…

Quei libri in biblioteca proprio non devono starci perché “inducono i ragazzi a prendere quella strada”. È la posizione di tre consiglieri comunali del Pdl di del comune di Carate Brianza, in provincia di Monza. I due volumi in questione, disponibili nella sezione dedicata ai ragazzi delle biblioteca comunale sono “Qual è il segreto di papà” e “Perché hai due mamme?”, due volumi a tematica lgbt scritti per i lettori più piccoli. Ma quelle letture, per Luigi Nava, Ian Farina e Luca Veggian non vanno bene e devono essere rimossi da quegli scaffali perché spingerebbero i ragazzi “e quindi più suggestionabili, a seguire quella strada”.

Un concetto, quello dei libri vietati o proibiti, che evoca epoche storiche non certo da prendere ad esempio per il futuro. Ma l’amministrazione, di segno Pd, ha fatto sapere che non intende cedere e che i libri resteranno dove sono. In più, il sindaco Francesco Paoletti ha ricordato che almeno uno dei due volumi è stato acquistato nel 2011, “quando ad amministrare la città c’erano proprio quelle persone che ora si lamentano”.

IL MIELI: COMPRATE I LIBRI DE LO STAMPELLO

“Pensavamo che il tempo dell’indice dei libri e dei falò stile notte dei cristalli nel nostro Paese fosse stato consegnato alle pagine più buie della Storia – commenta Andrea Maccarrone, presidente del Circolo Mario Mieli -. Invece dobbiamo tristemente constatare che questo nuovo integralismo omofobo, che in nome della difesa della libertà di pensiero pretende di oscurare e cancellare chi non si adegua alla sua morale, sta diventando sempre più pericoloso e aggressivo”.

Ti suggeriamo anche  Verona, trovato il 21enne che ha aggredito e insultato una coppia gay

“Il modo migliore per esprimere solidarietà e vicinanza alla coraggiosa casa editrice lo Stampatello (che editai due volumi in questione, ndr), che col suo prezioso lavoro affronta con delicatezza e attenzione un tema così importante e controverso, ma soprattutto per difendere il pluralismo e la libertà di espressione nel nostro Paese – continua la nota del Mieli – invitiamo tutte e tutti a comprare i loro libri e a farsi così un’idea diretta del loro valore e, soprattutto lanciamo un appello a tutte le biblioteche italiane ad acquisire questi testi, tra i pochissimi in Italia a rappresentare la realtà varia delle diverse famiglie italiane di oggi”.

Storie

Giovanna Vivinetto, l’insegnante trans licenziata denuncia la scuola

Parte la denuncia ai danni della scuola Kennedy di Roma, dove Giovanna era insegnante.

di Alessandro Bovo