Il vice di Trump va in vacanza: i vicini gli piazzano una bandiera rainbow davanti casa

Come augurare buone vacanze a uno dei politici più omofobi d’America.

Mike Pence, numero due di Trump, ha trovato una bandiera con scritto “Make America Gay Again” davanti casa.

Se non si ha un buon rapporto i vicini possono essere una vera spina nel fianco. Anche in vacanza. È quanto accaduto, speriamo, a Mike Pence, omofobo vicepresidente dell’amministrazione Trump.

Pence aveva deciso di passare le feste con la famiglia ad Aspen, nota località turistica del Colorado. Alla notizia, i suoi nuovi vicini l’hanno accolto attaccando una bandiera arcobaleno all’ingresso della villa, con la scritta “Make America Gay Again”. Il drappo è stata poi rimosso dai servizi segreti, senza conseguenze per gli autori del blitz.

Una piccola vendetta, ispirata da Will&Grace, contro un esponente politico dichiaratamente omofobo, arrivato alla Casa Bianca insieme a Donald Trump con lo slogan “Make America Great Again”.

In una presidenza che si è da subito contraddistinta per la propria distanza dalla comunità LGBT, Pence è considerato, al pari del procuratore generale Jeff Sessions, l’esponente più ostile ai diritti delle persone LGBT.

Negli scorsi mesi era circolata una presunta battuta di Trump su Pence, poi prontamente smentita, secondo cui l’ex governatore dell’Indiana “vorrebbe impiccare tutti i gay”.

Ti suggeriamo anche  "I migranti gay vanno accolti se a rischio nei loro Paesi": la sentenza della Cassazione

È solo di pochi giorni fa invece l’ultimo atto contro la comunità LGBT della presidenza Trump, che ha chiuso senza spiegazioni il consiglio strategico sull’HIV/Aids attivo presso la Casa Bianca dal 1995.