Vigile del Fuoco al Roma Pride, una petizione per salvarlo dal licenziamento

Prosegue la mobilitazione a sostegno di Costantino Saporito, il pompiere che ha sfilato in “divisa” al pride della Capitale: una commissione disciplinare potrebbe decidere il suo allontanamento.

Non è stata ancora scritta la parola fine sulla vicenda di Costantino Saporito, il Vigile del Fuoco denunciato perché ha sfilato al Roma Pride indossando l’uniforme da pompiere.

Come vi avevamo raccontato, Saporito è stato accusato di aver “leso la dignità del Corpo dei Vigili del Fuoco” e per questo segnalato alla commissione disciplinare, la cui pronuncia potrebbe anche comportare il licenziamento.

All Out, Roma Pride, il circolo Mario Mieli e l’Unione Sindacale di Base dei VVFF, hanno lanciato una raccolta firme per sostenere la posizione di Costantino davanti alla commissione disciplinare del Corpo dei Vigili del Fuoco.

Costantino Saporito.

Secondo il Dipartimento dei VVFF l’uniforme sarebbe utilizzabile “solo in contesti di operatività”, salvo richieste preventive. Saporito è stato l’unico ad essere colpito da questo richiamo disciplinare, nonostante fossero presenti alla sfilata capitolina altri suoi colleghi dell’USB tutti in divisa.

Una situazione diametralmente opposta a quanto vediamo di anno in anno in altri Pride, dove agenti di polizia e vigili del fuoco in divisa, prendono ufficialmente parte al corteo LGBT.

Ti suggeriamo anche  Roma Pride 2018, tornano a sfilare i Vigili del Fuoco - convenzione per pullman da tutta Italia

4 commenti su “Vigile del Fuoco al Roma Pride, una petizione per salvarlo dal licenziamento

  1. Bisogna anche capire i contesti : credo, in questo caso, che la commissione disciplinare sia dovuta intervenire, perché un corpo onorato, come quello dei vigili del fuoco, ove occorre essere uomini, dotati di coraggio, presenza di spirito, prontezza e sprezzo del pericolo, non può ammettere che le proprie insegne, invece di essere portate, trionfalmente, in qualche degna e virile processione, siano, delinquentemente, disonorate, in una parata di femminette viziose, senza nerbo e spina dorsale

    1. OK; ora basta.
      Alessio, Domenico, Annibale sei un “uomo” inutile, ignorante e omofobo. Rispondere ai tuoi commenti è produttivo come accendere un fiammifero sulla luna (un pò come la tua esistenza su questo sito). Non avrai più il mio tempo, visto che non sai argomentare ma rispondi sempre con le solite frasi ritrite e con la tua evidente scarsa cultura. Hai davvero rotto (come immagino volessi fare) con le tue espressioni da adolescente ritardato come lesbicaccia o finocchiaccio e le tue frasi piene di livore e di insulti, Mi rendo conto che sarebbe troppo chiedere di lasciarci vivere in pace la nostra pacifica esistenza, visto che il nostro essere diversi da te turba i tuoi sonni, ma a pensarci bene mi diverte anche pensare che siamo un tuo cruccio così grande. Adieu

Lascia un commento