I Vigili del Fuoco: “Chiediamo al corpo di partecipare ufficialmente al Roma Pride”

Dopo le partecipazioni al corteo LGBT costate dei richiami disciplinari, l’Usb dei pompieri rilancia e chiede l’adesione alla manifestazione.

La battaglia di Costantino Saporito sui vigili del fuoco al Roma Pride non si ferma: “Avviene già in moltissimi paesi civili”.

L’Unione sindacale di base dei Vigili del Fuoco ha pubblicato una nota in cui chiede ufficialmente al corpo dei VVFF di partecipare al Roma Pride 2018, “a scopo umanitario”. La delegazione dei pompieri del sindacato aveva già sfilato in “divisa” al corteo capitolino, provocando dibattito all’interno dei Vigili del Fuoco e soprattutto incorrendo in sanzioni disciplinari.

Vigili del Fuoco
Il sostegno dell’Usb dei Vigili del Fuoco al Roma Pride, in ginocchio Costantino Saporito.

I provvedimenti, indirizzati al delegato dell’Usb Costantino Saporito, riguardavano l’utilizzo dell’uniforme e “la lesa dignità del Corpo dei Vigili del Fuoco”, motivazione che aveva suscitato più di un’accusa di omofobia ai vertici dei VVFF, nonché una petizione per salvare Saporito dal possibile licenziamento.

Vigili del Fuoco
La petizione in favore di Costantino Saporito.

Ora lo stesso Saporito, a nome dell’Usb, rilancia: “Il “Pride” che è notoriamente la manifestazione di piazza più colorata di sempre, sicuramente ci aiuterà a dare un volto “nuovo” alla vera immagine del nostro lavoro di soccorritori, che non ci fa chiedere a chi è in pericolo se è gay, lesbica, trans, bisessuale, etero, clandestino”.

Test

Sei pronto ad avere un figlio? – TEST

Il test dedicato a chi vuole mettere su famiglia!

di Alessandro Bovo