Violentati per tre anni dal volontario della parrocchia

E’ successo nel milanese dove tra ragazzini tra i 12 e i 13 anni hanno denunciato il pedofilo che da tre anni abusava di loro. Nel quartiere lo conoscevano tutti, anche le famiglie dei ragazzi.

Violentati per tre anni di seguito da quell’uomo, volontario in parrocchia, che tutti nel quartiere conoscono. E’ successo a  Seregno, vittime tre ragazzini di dodici e tredici anni, figli di famiglie benestanti, di cui il 26enne ora in custodia cautelare ha abusato per almeno tre anni.

I carabinieri di Seregno hanno eseguito oggi l’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura di Monza ed è così che si è saputo che, secondo le indagini, ad abusare dei ragazzi era stato quell’uomo, che le loro famiglie conoscevano bene. Durante l’inchiesta, i militari dell’Arma hanno raccolto indizi e prove dei rapporti consumati, a volte particolarmente violenti e non escludono che gli abusi possano essere cominciati molto prima di quanto accertato.

A denunciare il loro aguzzino sono state le stesse vittime, che solo da poco hanno compreso quanto stava loro accadendo: un processo difficile per dei ragazzi di quell’età durante il quale le violenze sono continuate.

A portare alla luce la vicenda è stato un gesto compiuto proprio da una delle giovani vittime che, durante una premiazione, si è rifiutato di dare la mano all’uomo che in quel momento gli porgeva un premio, ma che lontano da occhi indiscreti abusava di lui. Insospettiti, genitori e familiari hanno chiesto al ragazzo il perché di quel rifiuto e a quel punto è venuta fuori la verità.

Ti suggeriamo anche  Milano, vittoria per la coppia gay: tribunale ordina la trascrizione dell'atto di nascita