Vittima di bullismo per My Little Pony, la scuola sta con i bulli

Un ragazzino di una scuola elementare statunitense è vittima del bullismo dei suoi compagni perché adora My Little Pony. E la scuola gli vieta di portare lo zaino con i suoi personaggi preferiti.

Grayson con la madre

Grayson con la madre

I suoi compagni lo prendono in giro per lo zaino di My Little Pony che porta a scuola e gli insegnanti che fanno? Gli vietano di portarlo ancora. E’ successo a Grayson Bruce, alunno di una scuola elementare del North Carolina dove adesso non può più portare il suo zaino preferito perché, secondo i dirigenti scolastici, “è come un grilletto per il bullismo“. “E’ come sostenere che la minigonna istiga allo stupro” ha commentato la madre indignata.

Grayson ha raccontato che gli altri bambini lo prendevano in giro ma che le cose sono peggiorate nell’ultimo periodo quando i suoi compagni hanno iniziato ad aggredirlo fisicamente. “Stanno spingendosi troppo oltre – ha raccontato il ragazzo alla TV locale -, mi spintonano, mi buttano a terra, mi chiamano con nomi orribili, cose che non dovrebbero succedere”.

Una delle immagini pubblicate sulla pagina Facebook di supporto a Grayson

Una delle immagini pubblicate sulla pagina Facebook di supporto a Grayson

E sebbene la scuola abbia fatto sapere di essere in procinto di prendere provvedimenti contro il bullismo, la prima cosa che è stata fatta è stata vietare a Grayson i suoi gadget di My Little Pony. Giovedì scorso, il piccolo, non può più usare il suo zaino preferito perché questo provocherebbe i compagni e li spingerebbe a vessarlo.

La madre di Grayson ha lanciato una campagna per punire i compagni bulli del figlio, ma non è la sola. Su Facebook, infatti, è stato creata una pagina a sostegno di Grayson che in pochi giorni ha raggiunto quasi 30 mila fan. Inutile precisare che la pagina è piena di My Little Pony. Solo lo scorso febbraio, un altro ragazzino di 11 anni, vittima dello stesso tipo di bullismo, ha tentato il suicidio .

Ti suggeriamo anche  Ti piacerebbe lasciare l'omosessualità? Quando i gruppi omofobi arrivano da Grindr