Vittorio Feltri, ‘non sono omofobo ho molti amici con quella tendenza lì’

di

Sorprendentemente, Vittorio Feltri si è anche detto favorevole alle famiglie arcobaleno e alle adozioni per le coppie omosessuali.

CONDIVIDI
471 Condivisioni Facebook 471 Twitter Google WhatsApp
1636 0

Direttore nonché fondatore del quotidiano Libero, il 75enne Vittorio Feltri ha spesso insultato la comunità LGBT, negli ultimi mesi, dall’alto del suo politicamente ‘scorretto’ che ostenta con orgoglio.

Intervistato da Alessio Poeta sull’ultimo numero di Chi, Feltri ha però negato con forza la sua presunta ‘omofobia’.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

‘Tutto mi si può dire tranne che io sia omofobo! Non ho pregiudizi, ho molti amici con quella tendenza lì e poco mi importa di quello che fanno sotto le lenzuola. Devo pensare a quello che succede sotto le mie’.

Il giornalista ha portato avanti una surreale battaglia sulla ‘terminologia’ da utilizzare nei nostri confronti, preferendo la parola ‘frocio’ ad ‘omosessuale’.

‘Amo la lingua italiana e mi rifiuto di chiamare neri i negri, così come gay i froci. Non c’è nulla di offensivo. Basta aprire lo Zanichelli. Io la guerra del dizionario non la voglio fare’. ‘Ma se i gay sono i primi a chiamarsi froci tra loro, perché devo farlo io? Agli omosessuali non contesto nulla, se non il gay pride. Quello, in tutta sincerità, lo trovo poco utile alla causa’.

Sorprendentemente, infine, Feltri si è detto favorevole alle famiglie arcobaleno e alle adozioni per le coppie omosessuali.

‘Le cose peggiori accadono in quella che noi chiamiamo famiglia tradizionale e sono certo che due persone dello stesso sesso possono dare più amore e benessere di un orfanotrofio’.

Foto copertina: Libro Mondadori ‘Il Borghese’

Leggi   "Due uomini non fanno una madre", l'indecente campagna di Pro Vita contro le famiglie arcobaleno
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...