Volete sposarvi? Basta pubblicare gli atti… come gli etero

La neonata associazione Certi Diritti lancia un’iniziativa per le coppie lgbt in vista del Pride 2008: chiedere al proprio Comune la pubblicazione degli atti che precede i matrimoni civili. Ecco come

In preparazione al Pride del 28 giugno prossimo a Bologna, la neonata Associazione Certi Diritti lancia un’iniziativa su tutto il territorio nazionale, che riguarda le coppie gay. Lo scopo è quello di supportare quante più coppie omosessuali che vogliano chiedere al proprio comune di residenza la cosiddetta ‘pubblicazione degli atti’, ovvero l’atto ufficiale che precede ogni matrimonio e che è obbligatorio per legge. Un modo, insomma, per riproporre il tema del matrimonio per le coppie dello stesso sesso. "Non si tratta di un atto di protesta, né di disobbedienza – fanno sapere da Certi Diritti -. Ma di un atto di consapevolezza e responsabilità civile".

Quello che immancabilmente succederà a tutti coloro che parteciperanno all’iniziativa sarà un rifiuto dell’ufficiale di stato civile al quale saranno consegnati i documenti. E’ a quel punto che inizia l’azione vera e propria che passa tutta nella mani degli avvocati della Rete Lenford che impugneranno i rifiuti. 

"Lo scopo di questa iniziativa non è di riuscire a sposarsi direttamente andando in comune – dichiarano ancora gli organizzatori dell’iniziativa -. Quello che Certi Diritti si propone è di depositare quante più pratiche amministrative in modo da sollecitare la macchina giudiziaria a pronunciarsi progressivamente nei vari gradi di giudizio".

Come dire, visto che la politica latita, proviamo a pungolare un altro dei tre poteri giudiziari, ovvero quello giudiziario, che sperano a Certi Diritti, davanti a un grosso numero di atti sarà costretto a pronunciarsi. 

Ti suggeriamo anche  Rifiutata da 10 famiglie perché sieropositiva, bimba neonata adottata da una coppia gay

Sul informazioni necessarie e i contatti disponibili per tutti coloro che volessero partecipare. E’ probabile che l’associazione sceglierà un giorno in cui tutte le coppie si recheranno contemporaneamente nelle sedi dei comuni per dare un valore simbolico in più all’evento.

Storie

Partecipa a 4 Ristoranti con il compagno e viene sommerso dalle telefonate omofobe – la denuncia video

"Froc*o di mer*a" al telefono, più e più volte, con voci modificate e numeri anonimi. La denuncia social di Mariano Scognamiglio, visto a 4 Ristoranti, su Sky, insieme al compagno.

di Federico Boni