Wow arrivano i saldi

Il nuovo anno inizia all’insegna dello shopping. Per la gioia di tutti i fashion victims, le liquidazioni iniziano già dal 2 gennaio… ed è corsa all’acquisto

Milano – Non c’è pace per i commessi del centro, e ben sappiamo quanti gay appartengano alla categoria. Non hanno fatto in tempo a riprendersi dalla ressa dello shopping prenatalizio che già arrivano i saldi, quest’anno con una settimana in anticipo rispetto al passato. La befana potrà così godere già degli sconti per acquistare i suoi doni.

Sicuramente preso di mira sarà il quadrilatero della moda, via Montenapoleone e via della Spiga in primis. I cacciatori di occasioni, infatti, si recheranno soprattutto nelle boutique dove poter acquistare capi firmati a prezzi ribassati di molto. Pare proprio che a causa della crisi non sia andata così bene per le grandi griffe di moda prima di Natale, si rifaranno così con i saldi. E vai con Gucci, Prada, Vuitton, Ralph Lauren e Ferragamo.

Anche in Corso Venezia ci sarà sicuramente la coda alla boutique di Dolce & Gabbana, così come a quella di Vivienne Westwood. Sarà preso di mira anche Armani, in via Manzoni, così come Paul Smith. In corso di Porta Ticinese molti consensi andranno a Richmond, al negozio Adidas Originals, a Eastpack per borse, zaini e valige, a Gas per la jeanseria o al monomarca di Franklin & Marshall (uno dei pochi esistenti in Europa) per il casual.

In San Babila il nuovo megastore di Diesel sarà un altro dei negozi più ambiti e molti andranno anche da H&M, dove già i prezzi sono molto bassi e per i saldi si trovano occasioni incredibili. Per i più pigri ci sarà la Rinascente in piazza Duomo, dove trovare quasi tutte le griffe di moda, talvolta a prezzi ancora inferiori di quelli praticati dalle singole boutique.

Ti suggeriamo anche  Alexander McQueen – Il genio della moda, poster e trailer italiano dell'acclamato documentario

Niente saldi invece da Abercrombie & Fitch, dove però la coda all’ingresso è di prassi (vedi foto). Il marchio americano (come anche molti altri made in USA, vedi American Apparel ecc.) non attua una politica aziendale che favorisca chi compra dopo un capo. Le collezioni sono vendute allo stesso prezzo, sino al loro esaurimento. Se qui non potrete usufruire degli sconti, avrete modo però di rifarvi gli occhi con i commessi.

di Francesco Belais