Zimbawe: nuovi attacchi omofobi di Mugabe

di

Il presidente dello stato africano, non nuovo a episodi di intolleranza, se la prende con Blair, colpevole di avere un governo pieno di omosessuali.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
841 0

Il presidente dello Zimbawe, Robert Mugabe, torna a lanciare i suoi attacchi omofobi, affermando che imprigionerebbe i gay e renderebbe illegali le organizzazioni omosessuali.

Mugabe, 77 anni, che guida il paese dall’indipendenza raggiunta nel 1980, sta combattendo per il controllo del paese contro l’ex-leader laburista Morgan Tsvangirai.

Nel finesettimana Mugabe ha attaccato il primo ministro britannico Tony Blair, ritenuto responsabile dei guai del paese, invitandolo a fare piazza pulita nel suo governo pieno di gay prima di imporre sanzioni allo Zimbawe: «Ci sono persone sposate nel mio governo – ha detto Mugabe in un’adunata politica a Wedza – Ma nel suo ci sono omosessuali, e loro permettono a John di sposare Joseph, e a Mary di sposare Rosemary. Noi affermiamo che loro non conoscono la biologia, perché persino i cani e i porci conoscono la biologia. Possiamo formare delle associazioni, ma non avremo mai associazioni omosessuali. Infatti, le perseguiremo».

di Gay.com UK

Leggi   Coppia gay festeggia l'unione civile, minacciata di morte sui social dall'Islam radicale
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...