Cinque omofobi pestano due ragazzi gay: “fr*ci, str*nzi, mostri, scarafaggi”

Dall’aggressione, uno dei due ragazzi ha riportato la frattura del setto nasale, labbro e occhio gonfi.

La coppia si trovava in Niederdorf, uno dei quartieri centrali della città di Zurigo, in Svizzera. Era la notte tra venerdì e sabato scorso.  I due ragazzi 26enni erano appena stati in un locale, e si erano fermati sulla piazza Hirschenplatz, dove si erano seduti su una panchina e si erano scambiati un bacio. E’ in quel momento che cinque individui si avvicinano a loro, definendoli fr*ci, str*nzi, mostri e scarafaggi. Uno dei due ragazzi, Davide, ha chiesto ai cinque coetanei il motivo di tali offese omofobe. La risposta è stata: “Perché sei gay“.

Subito dopo questa frase, sono iniziati i pugni. L’amico di Davide ha tentato di difenderlo, ma è stato a sua volta colpito da alcuni membri del gruppo di omofobi. Per alcuni interminabili minuti, i due ragazzi sono stati colpiti ripetutamente dai cinque, fino a quando due buttafuori di un vicino locale si sono accorti di quanto stava accadendo e sono intervenuti. I cinque sono scappati prima che riuscissero a bloccarli. Sul posto, poco dopo, è arrivata anche la Polizia.

Il post di Davide dopo l’aggressione in centro a Zurigo

Qualche ora dopo l’aggressione, Davide si è scattato una foto al viso dal letto d’ospedale dove è ancora oggi ricoverato, per mostrare quello che i cinque omofobi gli avevano fatto.

La prossima volta che qualcuno mi chiederà come si sente l’omofobia, mostro quella foto. Cari amici, non pubblico questo per preoccuparvi, ma, per parlare, per trovare gli autori.

Ha scritto sul post, accompagnando la foto dell’aggressione. E ha aggiunto:

Questa sensazione di impotenza è quasi insopportabile. Voglio sapere cosa l’ha spinta a farlo.

E’ la prima aggressione omofoba per il 26enne, che non si capacita di quanto accaduto. Ma spiega che ha deciso di pubblicare la foto per convincere chi potesse aver visto qualcosa a informare la Polizia, che si è attivata per ritrovare gli aggressori. Ma soprattutto, è anche per spronare chiunque sia stato vittima di atti omofobi a denunciare, in un Paese dove non c’è ancora una legge contro i crimini d’odio.

Ti suggeriamo anche  Teenager accoltellato dal fratello fuori da un ostello LGBT+ della gioventù

Dall’aggressione, Davide ha riportato un occhio gonfio, un labbro rotto e la frattura del setto nasale. Nella giornata di oggi, dovrà subire un’operazione al naso, visibilmente storto dopo i colpi ricevuti.