Arcilesbica incontra la responsabile diritti del PD e attacca la Cirinnà

Al centro del confronto alcuni dei temi più caldi: la gpa, le adozioni e il matrimonio egualitario.

Arcilesbica fa visita al Partito Democratico per parlare di politiche LGBT: presentate le proposte della nuova segreteria anti-gpa.

Un incontro dovuto quello tra Arcilesbica e il PD, dopo i precedenti già avvenuti tra il Partito Democratico e le altre organizzazioni rainbow nazionali: ma quanto peserà sulle posizioni in materia di diritti civili del grande partito italiano più sensibile alle istanze della comunità LGBT?

Solo pochi giorni prima l’associazione lesbo-femminista aveva inviato proprio al PD una lettera aperta sostenendo il divieto assoluto alla Gpa e anzi il suo sanzionamento come reato universale, l’opposizione all’assistenza sessuale per i disabili, all’accesso alle cure ormonali per i minori transgender e alla regolamentazione della prostituzione.

arcilesbica
Silvia Fregolent, responsabile welfare e diritti civili del PD, in Parlamento.

La nuova dirigenza di Arcilesbica, rappresentata da Cristiana Gramolini e Roberta Vannucci, è stata accolta da Silvia Fregolent, responsabile welfare e diritti civili del PD e da Fabrizia Giuliani, componente della Commissione Giustizia della Camera e molto vicina pare a Se Non Ora Quando – Libere, altra organizzazione nota per una posizione intransigente sulla gestazione per altri.

Unica voce fuori dal coro tra i democratici quella di Monica Cirinnà, che su Facebook scrive: “Orgogliosa di non rappresentarvi e di non essere votata da voi”.

Per sapere le conseguenze di questo incontro dovremo attendere il via libera definitivo alla programma elettorale del Partito Democratico guidato da Matteo Renzi.

Ti suggeriamo anche  Monica Cirinnà contro il Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona: 'odiatori dell'amore, agghiacciante il Patrocinio'