Berlusconi: diritti a coppie gay? Modificare codice civile

In un’intervista a RTL 102,5, Silvio Berlusconi dice di essere d’accordo a cambiare il codice civile per dare diritti alle coppie di fatto, anche gay. La sua posizione in realtà, non è cambiata.

Cambiare il codice civile per dare diritti alle coppie di fatto, anche gay. Sembrerebbe una notizia clamorosa quella che arriva dagli studi dell’emittente RTL 102,5, dove Silvio Berlusconi è stato di mattina presto per una delle decine di interviste a cui si sta sottoponendo per la campagna elettorale. La proposta, in realtà, deve stupire ben poco visto che rientra nel solco di quanto il centrodestra ha sempre detto di voler fare: modificare il codice per dare diritti, sì, ma ai singoli individui. Permettere quindi di sbrigare pratiche notarili ai singoli che volessero sistemare alcune posizioni come quelle testamentarie o ereditarie. Nulla che riguardi le coppie, quindi, che avrebbero bisogno di un istituto giuridico nuovo, anziché di modifiche al codice civile, che le riconoscesse come coppia, appunto, anziché come singoli. Ecco il video delle dichiarazioni di Berlusconi questa mattina a RTL 102,5.

Ti suggeriamo anche  Monica Cirinnà e i 4 anni di unioni civili: "ma ora matrimonio egualitario e riconoscimento pieno dell’omogenitorialità"
Storie

Partecipa a 4 Ristoranti con il compagno e viene sommerso dalle telefonate omofobe – la denuncia video

"Froc*o di mer*a" al telefono, più e più volte, con voci modificate e numeri anonimi. La denuncia social di Mariano Scognamiglio, visto a 4 Ristoranti, su Sky, insieme al compagno.

di Federico Boni