Razzismo e percosse alla comunità black ai comizi di Donald Trump: il video shock è come l’apartheid

Il video confronta alcune riprese rubate ai comizi di Trump alle politiche di segregazione e discriminazione razziale degli Anni 60. La similitudine è sconcertante.

Uno dei punti più scabrosi del programma di Donald Trump, nuovo Presidente degli Stati Uniti, è la politica sull’immigrazione: chiusura totale, costruzione di un muro sul confine con il Messico che sarà lo Stato stesso a pagare, abolizione dello ius soli, la legge che conferisce la cittadinanza statunitense a chiunque nasca sul suolo nazionale, bombardamenti a tappeto negli Stati nemici e torture sui presunti terroristi catturati. Trump vuole combattere insomma l’immigrazione con ogni tipo di mezzo possibile.

Questo video mostra un risvolto culturale inquietante di tutto ciò: i suoi sostenitori picchiano i membri della comunità black presenti ai comizi (ovviamente in veste di dissidenti), utilizzando i vocaboli propri della retorica dell’apartheid. Spintoni, schiaffi, gomitate e pugni: sconcertante.

Trump è presidente: cosa cambierà per la comunità LGBT?

Trump Presidente, Brexit, corsi e ricorsi storici: cosa sta accadendo al mondo contemporaneo?

Ti suggeriamo anche  Donald Trump contrario all'Equality Act: il suo è un 'sì' alle discriminazioni per le persone LGBT
Storie

Omofobia a Vizzola Ticino, cartelli e scritte alla spiaggetta: “Fr*ci al rogo”

L'allarme lanciato da Arcigay Varese. Anche quest'anno non ci siamo fatti mancare l'omofobia in spiaggia.

di Federico Boni