Gay chiama la Westboro Church: “Perché dovrei andare all’inferno?”

di

Per loro i "froci" bruceranno all'inferno. Ecco cosa rispondono a chi chiede perché.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3572 0

Vanno in giro con i cartelli con su scritto: “Dio odia i froci”. Picchettano i funerali delle persone omosessuali augurando le peggiori disgrazie e con una certezza: gay e lesbiche bruceranno all’inferno.
Stiamo parlando della nota Westboro Church, una delle religioni più dichiaratamente omofobe. Un giovane youtuber ha deciso di capire il perché di tanto odio ed ha telefonato loro.

Chi ha risposto, non appena capito che si trattava dello stesso autore di un altro video in cui faceva leggere alla madre i suoi messaggi su Grindr, la donna dall’altro capo del telefono gli impedisce di dire qualsiasi cosa e inizia con la sua litania fatta di “brucerai all’inferno” e “non c’è niente che tu possa fare per cambiare questo”. “Era di cattivo umore”, commenta il ragazzo. E decide di lasciare un messaggio vocale perché lui, all’inferno, non vuole andarci e vorrebbe capire come fare.

La lista delle cose che elenca per risparmiarsi le fiamme degli inferi è esilarante quanto ironica: “E se bruciassi tutti i miei CD di Lady Gaga, andrei in paradiso? Se trovassi un lavoro come meccanico? Falegname! Gesù era un falegname! Se mi rasassi i capelli? Se promettessi di non avere mai una relazione gay di domenica, posso andare in paradiso? E se promettessi di usare questi pantaloni da operaio per il resto della mia vita? Hanno anche le tasche per gli attrezzi! Non ascolterò mai un perfetto lipsync di una canzone di Taylor Swift per il resto della mia vita”.

E alla fine, chiude accanendosi contro i capelli (davvero indecenti, diciamolo) della signora che gli aveva prima risposto al telefono: “Davvero pensi di passare per una persona seria in quelle condizioni? Specialmente, con i gay… Ok, cara, fammi sapere cosa ne pensi. Ti voglio bene, ciao ciao”:

Leggi   Svizzera, approvata in via definitiva la legge contro l'omofobia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...