Gay Help Line, oltre 50 episodi di omotransfobia al giorno – gli allarmanti dati degli ultimi 12 mesi

di

Nell'ultimo anno oltre 20.000 contatti da tutta Italia, che salgono addirittura a 240.000 dal 2006, anno di nascita del numero verde 800 713 713.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2200 0

PAGINA

Ragazza trans di 21 anni, straniera. la ragazza, di condizioni economiche modeste, viene attirata da una promessa di lavoro in Italia. Incappa dunque in una rete criminale di uomini e donne trans conniventi che le pagano il viaggio per l’Italia, ma in seguito la costringono a restituire il denaro a forte tasso di interesse con attività di prostituzione. Per un anno la ragazza è costretta a prostituirsi sotto la minaccia di violenze fisiche: paga 14.000 euro ai propri aguzzini. Durante questo periodo viene ripetutamente aggredita e malmenata ogni volta che non rispetta una scadenza di pagamento, finché non trova la forza di contattarci tramite un amico. Segnaliamo il caso all’OSCAD e la ragazza denuncia e viene messa sotto protezione.

Ragazzo di 19 anni Centro Italia, il ragazzo, una volta scoperto di essere gay si confida con i propri genitori che non accolgono bene il suo coming out. Il loro giudizio totalmente negativo sull’omosessualità è infatti motivato in primis dal fatto che siano molto religiosi. Costringono dunque il figlio a raccontare tutto alle autorità religiose che, in occasione di un primo appuntamento cercano di fargli cambiare idea demonizzando l’omosessualità e prospettandogli un destino terreno e ultraterreno di perdizione e sofferenze. Nel corso di un secondo appuntamento poi, due sacerdoti si propongono di far guarire il giovane attraverso un esorcismo. A questo scopo lo legano a una sedia e lo sequestrano per molte ore continuando a recitare versetti contro satana e la sodomia. Alla fine di questa pratica il ragazzo è estremamente turbato e impaurito e si rifiuta di tornare nel tempio. Spinto dalle imposizioni dei genitori che minacciano di cacciarlo via da casa nel caso non si fosse più sottoposto a quella ‘terapia’, il ragazzo decide così di chiedere aiuto preferendo allontanarsi dalla famiglia, e viene aiutato a trovare una struttura di protezione.

Leggi   Vittorio Feltri, 'Milano è un vivaio di finocchi, chi minaccerebbe i loro diritti?'

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...